Francesco Guccini: “Canzone Delle Osterie Di Fuori Porta” (1974) – di Francesco Picca

Oggi, questo bar, è deserto. O meglio, è un deserto. Maceria amava il deserto. Perché, sosteneva, non c’erano impedimenti alla vista, non c’erano ostacoli. Gli ostacoli, per Maceria, erano un grosso problema. Quando poteva, quando gli riusciva, li tirava giù a spallate, ripetute e poderose. Altrimenti si adattava, come un timoniere con la barra di bolina. E noi, tutti, ci si adattava al mare che ingrossava. E si aspettava, tutti insieme, ciascuno rovistando in tasche sempre troppo vuote, scimmiottando un affannoso contributo a una soluzione. Perché, un ostacolo per Maceria, era un punto morto nell’esistenza di noi tutti. E allora bisognava passare oltre. Macerie. Questo restava, dopo ogni spallata, dopo ogni treno di onde contrarie. Macerie e silenzi. In quei silenzi s’infilava Bruco, che tesseva sguardi, e ricuciva il tempo e le parole. Due birre e quattro bicchieri, un po’ di tabacco, le solite battute e una risata sguaiata. Maceria segnava il passo. E la sua rivoluzione mai compiuta era un’occasione di comunanza, unica, formidabile, che non richiedeva troppo impegno, se non il ritrovarsi, ogni sera, nel solito angolo di quel giardino.
Beccaccia studiava
, si preparava a dovere. Elaborava teorie post rivoluzionarie che, secondo lui, ci avrebbero salvato dal fuoco reazionario. A noi, però, interessava bruciare. A noi, così poco inclini alle ovvietà, calzava perfettamente l’incertezza di quella rotta segnata da Maceria. Poco ci importava delle conseguenze. Sapevamo di essere nel giusto perché il giusto, per noi, era la sua passione furibonda, quella passione soffiata con forza in ogni parola, quella di ogni pugno sul tavolo, quella di ogni litigio e del vuoto lacerante che ne seguiva. Questo era Maceria. Era passione devastante. E devastanti erano anche i suoi amori. Fulminanti, come una morte improvvisa, eppure cosi vitali, cosi necessari. Amori consumati in fretta, in piedi, come il pasto di un fuggiasco. Ci s’innamorava tutti, tutti insieme. Insieme a lui. Le sue notti insonni erano anche le nostre, così come i suoi pianti, e le bestemmie, e le sbronze purificatrici. Ora c’è il problema di conciliare due birre e tre bicchieri. Ed è la prova che ogni amicizia sottende a regole matematiche.
È questo, forse, uno di quegli ostacoli che Maceria avrebbe assecondato, navigando di bolinaDue birre e tre bicchieri. Un problema aritmetico, per noi esistenziale. Non ci sono spallate risolutorie. Non c’è nemmeno lo sguardo mediatore di Bruco che da un’ora è voltato verso ovest, quasi di spalle a noi, incastrato nella sedia, avvinghiato ai braccioli di plastica, con gli occhi a fessura e una smorfia di pietra. Aspetterà l’ultimo bagliore e poi andrà via, senza dire nulla, come ha fatto anche ieri sera. Beccaccia ha pensato di riconciliarsi con Maceria. Lo ha fatto in sua assenza, ma ha scelto una modalità che Maceria avrebbe apprezzato come il più desiderato dei regali. Beccaccia ha scelto un muro e vi ha scritto il primo documento politico condiviso. Il primo in assoluto. Sintetico, inequivocabile. Ha impastato giornate intere di discussioni e le ha rese immortali con un manifesto inattaccabile.
Ha espresso la nostra ansia di non sopravvivere al prossimo ostacolo, e al tempo stesso ci ha indicato la soluzione. Uscendo dal giardino del bar imbocco quei sette gradini a destra. Comincio col piede sinistro, e col sinistro arrivo in piazza, e faccio perno, per una svolta a sinistra. Quindici metri di vicolo senza finestre. Nemmeno una porta. Solo due lampioni, a metà di quel corridoio disabitato. Due lampioni spenti da sempre. Rallento, e mi soffermo a leggere: “Maceria Vive”. (Scritta, oggi rimossa, in Vicolo Tavernelle nel centro storico di Cesena).

Sono ancora aperte come un tempo le osterie di fuori porta
Ma la gente che ci andava a bere fuori o dentro è tutta morta
Qualcuno è andato per età, qualcuno perché già dottore
E insegue una maturità, si è sposato, fa carriera ed è una morte un po’ peggiore
Cadon come foglie o gli ubriachi sulle strade che hanno scelto
Delle rabbie antiche non rimane che una frase o qualche gesto
Non so se scusano il passato per giovinezza o per errore
Non so se ancora desto in loro, se m’incontrano per forza, la curiosità o il timore
Io ora mi alzo tardi tutti i giorni, tiro sempre a far mattino
Le carte, poi il caffè della stazione per neutralizzare il vino
Ma non ho scuse da portare, non dico più d’esser poeta
Non ho utopie da realizzare: stare a letto il giorno dopo è forse l’unica mia meta
Si alza sempre lenta come un tempo l’alba magica in collina
Ma non provo più quando la guardo quello che provavo prima
Ladri e profeti di futuro mi hanno portato via parecchio
Il giorno è sempre un po’ più oscuro, sarà forse perché è storia, sarà forse perché invecchio
Ma le strade sono piene di una rabbia che ogni giorno urla più forte
Son caduti i fiori e hanno lasciato solo simboli di morte
Dimmi se son da lapidare se mi nascondo sempre più
Ma ognuno ha la sua pietra pronta e la prima, non negare, me la tireresti tu
Sono più famoso che in quel tempo quando tu mi conoscevi
Non più amici, ho un pubblico che ascolta le canzoni in cui credevi
E forse ridono di me, ma in fondo ho la coscienza pura
Non rider tu se dico questo, ride chi ha nel cuore l’odio e nella mente la paura
Ma non devi credere che questo abbia cambiato la mia vita
È una cosa piccola di ieri che domani è già finita
Son sempre qui a vivermi addosso, ho dai miei giorni quanto basta
Ho dalla gloria quel che posso, cioè qualcosa che andrà presto, quasi come i soldi in tasca
Non lo crederesti, ho quasi chiuso tutti gli usci all’avventura
Non perché metterò la testa a posto, ma per noia o per paura
Non passo notti disperate su quel che ho fatto o quel che ho avuto
Le cose andate sono andate ed ho per unico rimorso le occasioni che ho perduto
Sono ancora aperte come un tempo le osterie di fuori porta
Ma la gente che ci andava a bere fuori o dentro è tutta morta
Qualcuno è andato per formarsi, chi per seguire la ragione
Chi perché stanco di giocare, bere il vino, sputtanarsi ed è una morte un po’ peggiore.

Maceria“: tratto da  “Lacca” di Francesco Picca  (Bertoni Editore 2019).
Tutti i diritti riservati©.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: