Zorba il Greco – Anthony Quinn & Mikis Theodorakis

Mi alzai.
“Vieni Zorba”, gridai, “insegnami a ballare!”
Zorba saltò su, il viso gli si illuminò.
“A ballare, padrone?”, disse, “A ballare? Vieni!”
“Avanti Zorba, la mia vita è cambiata, e vai!”
“Per prima cosa ti insegno lo zeimbèkiko, un ballo selvaggio, da valorosi.
È quello che ballavano i comitagi prima della battaglia.”

Si tolse le scarpe, gettò via le calze color melanzana, rimase con la camicia,
ma si sentiva soffocare. Gettò via anche quella.

“Guarda il mio piede, padrone”, ordinò, “osservalo bene!”
Allungò la gamba, sfiorò leggermente la terra col piede, allungò l’altra,
i passi si intrecciarono selvaggiamente, gioiosamente, la terra risuonò.

Mi mise il braccio sulla spalla.
“Vieni, ragazzo mio, noi due!”
Ci buttammo nel ballo, Zorba mi correggeva, serio, paziente, con tenerezza;
io prendevo coraggio, sentivo che i miei piedi pesanti mettevano le ali.

“Bravo, sei un’aquila!”, gridò Zorba per darmi il ritmo. “Bravo ragazzo mio!
Al diavolo le carte e i calamai! Al diavolo i beni e gli interessi.
Ora che balli anche tu e impari la mia lingua, ne avremo di cose da raccontarci!”

Strascicò i piedi nudi sulla ghiaia, battè le mani.
“Padrone”, gridò, “ho molte cose da dirti, non ho mai amato nessuno come te.
Ho molte cose da dirti ma la mia lingua non ci riesce… Allora te le dico ballando. Scostati un po’, sennò ti pesto! Vai! Hop! Hop!”.

Fece un salto, le sue gambe e le mani diventarono ali.
Si lanciava eretto sopra il suolo, e vedendolo sullo sfondo del cielo e del mare mi sembrava un vecchio arcangelo ribelle.
Perché quella danza di Zorba era tutta una sfida, un’ostinazione, una rivolta.

Avresti detto che gridasse: “Che cosa puoi farmi, Onnipotente?
Non puoi farmi nulla, soltanto uccidermi.
Uccidimi, me ne frego, mi sono tolto la soddisfazione,
ho detto quello che volevo dire;
ho avuto il tempo per ballare, non ho più bisogno di te!”

da “Zorba il Greco” di Nikos Kazantzakis

the-greek

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *