Tom Waits: “Bounced Checks” (vinyl bootleg 1979) – di Ubaldo Scifo

Una vera rarità, questo bootleg, il primo di Tom Waits, registrato al Troubadour di Los Angeles nel 1975, pubblicato nel 1979 dalla Excitable Recordworks. Risale invece al 1981 l’LP con lo stesso titolo, etichetta Asylum in versione ufficiale, che comunque non contiene le stesse tracce. La qualità di registrazione è abbastanza buona. C’è dentro  tutto il mondo dell’artista americano, tutto a portata di mano, attraversando i pavimenti pieni di cicche cercando di scansare bottiglie e topi erranti: i locali fumosi, le donne, l’alcol, la solitudine, la vita di strada o sulle strade… ambientazioni che ritroveremo in “Daunballò” (Down by Law), film del 1986 di Jim Jarmusch, in cui Tom recita in buona compagnia con Roberto Beningni e John Lurie“In una notte di nebbia, una strada abbandonata / In un miraggio allo specchio del crepuscolo / Senza indicazione di una stazione di servizio / O un garage per tutta la notte, ero disinformato / Sono stato indirizzato male a causa dello svincolo / Mai azzeccato lasciandomi abbandonato / Sotto una luna iniettata di sangue […]”. (da On A Foggy Night)oppure Ol’ 55, uno dei suoi cavalli di battaglia, diventato anche una storica hit degli Eagles: Sto cavalcando con Lady Luck / Autovetture e camion / Le stelle cominciano a svanire / E conduco la sfilata / Avrei voluto restare un po’ più a lungo / Oh Signore, lascia che ti dica che la sensazione sta diventando più forte / E il mio tempo è andato così rapidamente / Sono andato lickety-splicly / Fuori con la  mia vecchia ’55 […]”. Il blues che si ascolta in Eggs & Sausage  e lo swing, sono il terreno su cui il cantante si muove splendidamente a suo agio, racconta storie con la sua voce carica di ruggine, come in Emotional Weather Forecast, Diamonds On My Windshield, Spare Parts: tiratissime,  sospinte dal contrabbasso di Jim Hughart, dalla batteria di Jim Gorden, dal piano di Teddy Edwards e dalla presenza di un sassofonista di lusso come Pete Christlieb che ha suonato con Count Basie, Woody Herman, Chet Baker… ma quando Tom si fa prendere dalla ciucca triste allora sforma ballads romantiche e strazianti come Warm Beer, Cold Women, RosiePutnam County e la dolce e disperata Heart of Saturday Night; cantate e recitate insieme, da ascoltare fino al sorgere del sole con gli occhi gonfi di lacrime, un po’ per la commozione un po’ per l’atmosfera nebulosa dei locali notturni di infima categoria, con il bicchiere sempre pieno in mano. Applausi e risate. Ascoltare per credere: “Mostratemi un uomo che abita solo e ha la cucina perpetuamente sporca e, 5 volte su 9, vi mostrerò un uomo eccezionale. (Charles Bukowski, 27 giugno 1967, alla 19° birra).

Tom Waits: Guitar, Piano, & Pontification. Pete Christlieb: Sax. 
Jim Gorden: Drums. Jim Hughart: Bass. Teddy Edwards: Piano.

Side One: 1. Emotional Weather Forecast.. 2. On A Foggy Night.
3. Warm Beer, Cold Women. 4. Eggs & Sausage. 5. Heart of Saturday Night.
Side Two: 1. Rosie. 2. Diamonds On My Windshield. 3. Spare Parts.
4. Putnam County. 5. Ol’ 55.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.