“The Violent Sleep of Reason”: una storia di regime – di Warden

Sotto le città di un mondo piagato dalla malattia del totalitarismo della stupidità esiste una vita sotterranea che si agita nelle fogne come parassiti nelle viscere di un cadavere. In un mondo sporcato in ogni continente dall’insorgere di Mediocrità di Pensiero, un partito populista planetario che fonde assieme i peggiori principi dell’estrema destra e dell’estrema sinistra, che parla solo il linguaggio degli slogan e non conosce confronto se non la guerra alle opinioni altrui con insulti degni del peggior tifo da ultras, esiste ancora una piccola speranza ne La Fiaccola, organizzazione di resistenza etichettata dai media di regime come fuorilegge. La cosa è iniziata in maniera graduale: da quando Mediocrità di Pensiero (in principio Consiglio dei Magnati dell’Industria), spesso abbreviato in Mediocrità, ha ottenuto il potere con la bellezza del 100% dei voti (almeno stando alle statistiche riportate dai media di regime, nota fonte d’informazione brillante, autorevole e soprattutto priva di pressioni esterne), dapprima è stato vietato ai membri dell’opposizione di entrare in Parlamento, il tutto senza che la massa di elettori dall’encefalogramma piatto si chiedesse che necessità ve ne fosse, data la vittoria totale (il 100% dei voti, ricordiamo); poi si è arrivati alle vie di fatto e La Fiaccola è stata dichiarata un’organizzazione terroristica in una conferenza stampa in diretta TV dal Grande Presidente del partito, che ha assunto lo pseudonimo di Mr. Mediocre in onore dei suoi elettori, per rappresentarsi agli occhi del popolino idiota come uno di loro. La condanna per essere membri de La Fiaccola è peggiore della morte, peggiore delle più atroci torture che si possano immaginare: l’uniformazione.
Si sa di eroici membri della resistenza, un tempo menti illuminate, condannati a guardare per ore, giorni o perfino mesi programmi TV come “RealityMerda”, o ad ascoltare la famigerata e temutissima Radio Musicademmerda, fino alla distruzione completa delle cellule neuronali. Finché anche la loro attività cerebrale non si è appiattita e non hanno dimenticato cosa sia la creatività, il valore profondo dell’arte, la profondità di pensiero, il senso critico. Tutto annientato, stritolato dagli ingranaggi di un macchinario sforna-imbecilli che tanto fa comodo ai dittatori di Mediocrità, che sguazzano nell’idiozia, abbindolano le masse con prodotti di consumo che non sanno di niente.
Di seguito riportiamo il discorso che il Grande Presidente tenne ai colleghi durante lo storico Consiglio dei Ministri di Mediocrità passato alla storia come “Il Violento Sonno della Ragione“, in cui venne presentato il disegno di legge che avrebbe cambiato il mondo, rendendolo finalmente un cesso che potesse ospitare ogni stronzo del pianeta: “Buongiorno, quest’oggi vi presento il disegno di legge Progetto Uniformità. L’assunto su cui si fonda è il seguente: dai alle persone qualcosa creato da chi è più inetto di loro e non solo si sentiranno migliori, ma ti ringrazieranno anche. Abbiamo la TV dalla nostra ed è ora di sfruttarne tutto il potere.
D’ora in poi la divulgazione scientifica sarà bandita, mostreremo solo gli scarti degli scarti: reality show con gente che bestemmia, rutta e scopa in diretta senza alcun senso di privacy, pudore e soprattutto nessun rispetto per gli altri; talk show di qualsiasi argomento in cui la gente non fa che urlarsi addosso, perché la maleducazione è un valore; quanto ai film, boicotteremo qualsiasi produzione abbia un minimo di spessore culturale, vogliamo solo schifo e volgarità, dimenticate la morale di fondo delle storie, non ne voglio sentir parlare nemmeno, la gente non deve pensare, deve solo ridere e sbavarsi addosso. Talent show, programmi musicali, festival, radio di massa
: su ogni canale deve passare solo musica suonata da gente che non ha idea di cosa la musica sia; boicotteremo ogni artista che sappia tenere in mano uno strumento, che sia capace di intonare due note di fila e che osi scrivere testi impegnati. Concludo con la cosa più importante: niente libri. Mai, di nessun tipo. Saranno banditi e la pena per chiunque sarà sorpreso a leggere o scrivere qualcosa sarà l’uniformazione immediata. Gli scrittori già noti saranno deportati. Tranne gli Youtuber che hanno pubblicato libri, quelli sono innocui, possiamo lasciarli.
Il mondo sembra senza speranza e lo è. Fine. Oh, forse speravate in un eroico rovesciamento della situazione? Mi piacerebbe dire che è successo ma non è così. L’unica speranza è che Dio (se un Dio poi esiste) guardi il mondo e si renda conto che siamo diventati un cesso di ceramica mezzo rotto e che perde acqua, talmente riempito di stronzi da traboccare feci da ogni lato, quindi tiri lo sciacquone una volta per tutte e poi distrugga pure il water. Sì, è vero che tra gli stronzi è spuntato qualche fiore, ma che senso ha vivere come diamanti in un mondo di letame? Ora, signor Dio, metterò da parte il mio ateismo e per la prima volta in vita mia ti pregherò. Tira lo sciacquone… Amen.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: