rpwl: “Tales From Outer Space” (2019) – di Alessandro Freschi

Galassie minacciate da mostruose creature, violacei tentacoli che terrorizzano malcapitati viaggiatori cosmici. Rievoca il tratto caratteristico dei fumetti sci-fi anni sessanta Tobias Harnack, autore dell’artwork di copertina di “Tales From Outer Space” (Gentle Art Of Music 2019), full-lenght che segna il ritorno sulla scena discografica dei teutonici rpwl. Valicato il primo ventennale di attività la compagine di Frisinga recupera l’ispirazione necessaria per rilasciare un lavoro inedito lasciandosi alle spalle i recenti tributi floydiani ed il barcollante “Wanted” del 2014. È proprio sottraendosi dall’eccessiva riverenza nei confronti di Gilmour e soci (muse ispiratrici dell’intero percorso artistico) che la formazione capitanata dagli storici Yogi Lang e Kalle Walner riesce a dare il meglio di sé, evitando di ripercorrere quelle traiettorie sonore che inesorabilmente conducono in contesti usurati e triti. La sensazione è che in questi nuovi sette racconti spaziali sia presente una convinta virata verso musicalità neo-prog decisamente più attuali, tipiche della arrembante colonia dell’ultim’ora (Huis, Adventure e Mystery) e di altre realtà di genere conclamate come Arena e Spock’s Beard. Supportati da un’invidiabile abilità tecnica, dote che non li ha visti mai secondi a nessuno, gli rpwl tratteggiano le vignette di questo futuristico giornalino rivelando spunti compositivi interessanti: dal singolo apri-pista A New World, passando per i dieci minuti della mini-suite Light of the World, sino al morbido atterraggio tra i rarefatti orditi dell’epilogo Far Away From Home, “Tales from Outer Space” si rivela una piacevole passeggiata tra le stelle, consegnando di fatto nuove rotte e orbite ad un talentuoso ensemble che fin troppo a lungo ha brillato di luce riflessa. È dietro la “faccia oscura della luna” che risiedano i nuovi (o veri?) rpwl.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.