Roberto Vecchioni al Festival MANN di Napoli – di Marina Marino

Museo Archeologico di Napoli, 21 Marzo 2018. Felicità nell’aspettare e poi nel ricordare, in un continuum senza cesure, in un flusso privo di hiatus, la gioia nel fango e in cima alla montagna, la felicità come sinonimo di vita, di tempo e bellezza. Napoli, piena Magna Grecia, Sala Del Toro Farnese, gelido inizio di primavera e del secondo festival del MANN, “Muse al Museo”. Ospite Roberto Vecchioni coadiuvato dalla professoressa Stefania Mancuso e dal direttore del museo, Paolo Giulierini, l’attenzione è densa, non un volto distratto. L’ospite potrebbe approfittare per pubblicizzare i suoi ultimi testi, “Il mercante di luce” e “La vita che si ama” ma sceglie di non farlo. Vecchioni parla con la semplice e garbata pacatezza di chi ama… e ama la vita, l’ellenismo, l’etimologia, la Storia che non passa facendosi presente, vivido e pulsante. Le le parole scorrono veloci, l’importanza degli aggettivi, di cui l’italiano è ricco, in grado di mutare il significato di una frase, parla l’uomo, quando accenna alla nascita dei figli, parla l’insegnante che sa insegnare quando trascorre alla democrazia, inventata dai Greci, parla il poeta e lo scrittore che sceglie e accarezza ogni vocabolo… ed io, tra il pubblico, ascolto e sento, tentata di annuire vigorosamente, perché so cosa vuol dire la felicità di un ricordo che diventa carne, il piccolo orgoglio di aver frequentato il Liceo Classico, di amare Catullo “che aveva un’altra testa e un altro cuore”, i lirici greci, la gioia intima di fronte a un’opera d’arte, il rotolare nel cuore e nella testa di una poesia scritta migliaia di anni fa… e non parlo di “come salvarsi la vita” ma di viverla, con la gioia da bambino che le ha acceso il volto, Professore, quando ha ricevuto la nomina ad ambasciatore culturale del Mann. Vivere ed essere felici si può, ci è dato, ci spetta, si deve. Grazie di averci ricordato, Professore, come Archiloco, che manca un dito al giorno.

Foto Pietro Previti © tutti i diritti riservati 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *