Primitive Field: “Alcheringa” (2018) – di Gabriele Peritore

Un sogno può arrivare roboante come un tuono a sospendere il tempo. Con la sua potenza rompere la scansione temporale abituale della veglia e proiettare come in una dolce vertigine nella realtà onirica, più reale, a volte, della Realtà stessa. Con i suoi bisbigli e i suoi squarci, il sogno ha i suoi suoni primitivi che solo un aborigeno può cogliere pienamente nella loro purezza, tramite esercizi di respirazione e trance, e raggiungere la dimensione Alcheringa. Quella dimensione, appunto, in cui si ferma il tempo tra la veglia e il sonno e si dà spazio ai sogni. “Alcheringa” è anche l’ultimo progetto sperimentale dei Primitive Field. Desta curiosità immaginare come un progetto sperimentale, spesso associato a un concetto moderno di fare musica, invece in questo caso si arricchisca di sfumature ancestrali. Infatti a strumenti contemporanei classici come il contrabbasso, suonato da Roberto Bellatalla, e la batteria, suonata da Ivan Macera, uniscono uno strumento tipico degli aborigeni australiani come il didgeridoo, suonato da Christian Muela. La fusione non finisce qui perché, dopo aver combinato gli strumenti in fase acustica, in tempo reale aggiungono distorsioni, deelay e riverberi digitali, in una contaminazione elettroacustica. Una ricerca del suono eseguita attraverso l’improvvisazione più estrema. La batteria viene graffiata da sassi e altri materiali inusuali, e il contrabbasso scombussolato fino a farsi voce cruda. Questa radicalità li avvicina davvero ai suoni dei sogni, all’essenza primitiva onirica, con i suoi bisbigli e i suoi squarci, con i suoi respiri ora lievi ora potenti, così potenti da inondare ogni angolo resistente della veglia per  infondere il ritmo liquido dei sogni all’asfissiante realtà metropolitana. Il disco è stato presentato l’11 ottobre presso i locali di Largo Venue a Roma.

Tracklist: 1. Dreamtime Story. 2. Chasing Walkabout.
3. Anciente Souls In The Traffic. 4. Itchy Grooves In The City.
5. Breath, Thrill And Wet Melody. 6. Voices Of Primitive Technologies.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.