Francesco Guccini: Primavera di Praga

Di antichi fasti la piazza vestita
grigia guardava la nuova sua vita:
come ogni giorno la notte arrivava,
frasi consuete sui muri di Praga.

Ma poi la piazza fermò la sua vita
e breve ebbe un grido la folla smarrita
quando la fiamma violenta ed atroce
spezzò gridando ogni suono di voce.

Son come falchi quei carri appostati;
corron parole sui visi arrossati,
corre il dolore bruciando ogni strada
e lancia grida ogni muro di Praga.

Quando la piazza fermò la sua vita
sudava sangue la folla ferita,
quando la fiamma col suo fumo nero
lasciò la terra e si alzò verso il cielo,

quando ciascuno ebbe tinta la mano,
quando quel fumo si sparse lontano
Jan Hus di nuovo sul rogo bruciava
all’orizzonte del cielo di Praga.

Dimmi chi sono quegli uomini lenti
coi pugni stretti e con l’odio fra denti;
dimmi chi sono quegli uomini stanchi
di chinar la testa e di tirare avanti;

dimmi chi era che il corpo portava,
la città intera che lo accompagnava:
la città intera che muta lanciava
una speranza nel cielo di Praga.

dimmi chi era che il corpo portava,
la città intera che lo accompagnava:
la città intera che muta lanciava
una speranza nel cielo di Praga.

 da “Due anni dopo” (1968)

Questo slideshow richiede JavaScript.

3 pensieri riguardo “Francesco Guccini: Primavera di Praga

  • gennaio 15, 2018 in 3:26 pm
    Permalink

    Credo che il riferimento a Jan Hus sia riferibile al teologo del 1400 bruciato sul rogo e non al giovane martire Jan Palach (anche se il parallelismo legato alle modalità con cui Palach decise l’estrema protesta può non essere una coincidenza)

    Risposta
    • gennaio 15, 2018 in 3:31 pm
      Permalink

      il testo non lascia dubbi… “di nuovo sul rogo bruciava” il riferimento al teologo è chiaro… grazie del commento Luca

      Risposta
  • gennaio 15, 2018 in 3:45 pm
    Permalink

    Potrebbe essere comunque interpretato in questo senso. Jan Palach è il novello Jan Hus perché decide di immolarsi col fuoco pur di proclamare la verità del proprio credo. (Jan Hus di nuovo sul rogo bruciava….)

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *