Perla and the Jazzmen al Frida Club – di Benito Mascitti

Dopo il live di Teramo (“Perla is back” 26 settembre 2014) che ce l’ha riconsegnata mamma felice di Naima, Perla è tornata anche al Frida di Tortoreto… intima e più stupefacente che mai.
Il concerto, programmato da Enzo Zampini per la stagione invernale del suo storico locale, ha come al solito stupito tutti… Perla e i suoi fenomenali musicisti, guidati da una tromba fantastica aggiuntasi alla congrega, hanno rilanciato questo bellissimo progetto proiettandolo verso mete imprevedibili.
Perla è sempre di più un’interprete di grande livello… di se stessa e della sua musica.

Copia di perla al frida prima

Ci godiamo l’attacco di Claudio Cesar Corvini alla tromba che trascina tutti gli altri dentro i meandri imprevedibili di questo concerto e aspettiamo di poter parlare con Lei alla fine della performance.

Copia di perla al frida seconda

Ben trovata di nuovo Perla… le prime note di Claudio Cesar Corvini sullo spartito di Naima.  Per Naima, tua figlia… questo bel dono che hai ricevuto e che porti sempre con te.

Bellissimo l’attacco di Claudio.
Naima cresce bene e mi dà una grande forza e questo concerto è stato molto toccante per me… spero che la sala si sia emozionata quanto me.
Questo concerto è venuto fuori come sempre… in parte pensato su Claudio ma poi all’impressione come sempre.
Le prime note della tromba, io e la Band, le abbiamo colte ancor prima che arrivassero… e per me quel suono  è stato come un segnale perfetto, immerso nella dolcezza che ultimamente sto sperimentando.

Copia di perla al frida terza

Davvero un bel concerto… sei sempre diversa e imprevedibile. Dopo il live di settembre ti cercavamo tutti più intima. D’altra parte, dopo il bagno di folla, bisognava ricominciare a raccontarsi… Quella tromba ci ha subito colpiti come un dardo, proprio come questa dolcezza che senti e che si avverte in questo tuo nuovo corso.

Il concerto si forma da sé ogni volta… ogni sera mi viene di raccontarmi in un modo diverso, perché ora sto toccando la profondità che mi permette di osservarmi chiaramente.
Certo è che andare in profondità non mi lascia indifferente e a volte scopre dei lati di me che non sono semplici da accettare.
Naima mi sta insegnando molto e questa dolcezza che per tutta la mia vita ho tentato di nascondere, ora la sto rispolverando grazie a lei.

Copia di perla al frida quarta

Tua figlia Naima e Naima di Coltrane come in uno specchio…. come un fiume parallelo, fatto di stessi sentimenti dunque. Noi che ti ascoltiamo sentiamo più di prima la tua anima blues….

Ah ah ah ah… è certo che  il blues mi farà essere anche “feroce”.
Scherzi a parte, la scaletta, come hai visto, e’ delicata, in parte nuova… e questo dichiara la mia predisposizione alla dolcezza e come sempre al rischio.
L’argomento principale e’ la gratitudine per il mio passato vissuto… ricco di momenti down. Mi sono sempre vestita da vittima di fronte alle avversità e ho reagito a testa bassa.
Questa mia precedente natura è stata come una trappola per me! La scaletta in generale è testimone di questa mia evoluzione e  porta un messaggio differente… smettere di lamentarsi.
Proprio grazie a quella grande tristezza impotente a cui faccio riferimento, mi sento di cantare da uno spazio neutrale e di accettazione.
Quello che per me e’ stato doloroso e’ un dono che non ha prezzo.
Come una separazione… mi sono flagellata per questo.. .ma poi mi sono sempre trovata ad alzare lo sguardo da terra e andare avanti, come una guerriera all’alba del giorno dopo, con tristezza ma anche con il sapore di libertà… potrei stare giorni a parlare.

Copia di perla al frida quinta

Proprio come un blues…. il pianto e poi il riscatto

Si… mi fai pensare a un episodio della mia vita passata.
Ero in piena paranoia e cominciai a piangere, persa in quello che non era da capire ma da accogliere.
Un amico mi disse… preferisco sentirti cantare e non vederti soffrire inutilmente.

Poco fa parlavi di separazione… cosa intendi per separazione? Stasera ti abbiamo vista vagare tra blues e jazz…. che qualcuno vorrebbe tenere distinti e separati… ma non credo che tu intenda questo per separazione.

Separazione da un altra persona… o semplicemente da me stessa.
Succede quando ti allontani dal proposito originario.
Separazione in campo musicale assolutamente no… non so definirmi in un ramo musicale… e questo mi porta a essere libera e lontana dagli schemi.
Non sono collocabile… diciamo che sono spinta solo dalle emozioni.
I “miei” musicisti armonizzano gli stati d animosono loro che completano la miscela che mi sale da dentro.

Copia di perla al frida sesta

Credo sia questo bel mescolare che ti fa naturalmente interprete…. il non appartenere a nessun genere…. essere la Musica e non raccontare un genere.
Ho sempre pensato che la tua forza sta in questo, oltre che nella tua grande anima… e i musicisti, come si fa con una grande interprete, ti seguono con le loro splendide evoluzioni… una grande Band. Unita a te e a Claudio, che ha squarciato magistralmente il velo di questo bel concerto.

lo penso anch’io… ci sono stati dei casi in cui mi hanno consigliato di scegliere una strada musicale….. la strada l’ho scelta da tempo e presto saranno pronti i brani inediti a cui sto lavorando. Poi la mia strada e’ scandita da quello che provo…. attenzione perché se sarò ancora arrabbiata  canto punk… ahahah.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Foto: Piero Cipollone © Tutti i diritti riservati

Line up:
Perla – voce. Feat Claudio Cesar Corvini – tromba.
Arturo Valiante – piano. Walter Monini – basso.
Bruno marcozzi – batteria.

Scaletta:
Naima – John Coltrane. Beautiful love – W. King e altri. In the morning – A. S. Levy.
‘Round Midnight – T. Monk e altri. Billie’s blues (I love my man) – Billie Holiday.
Olds 55 – Tom Waits. Tyrone – Erykah Badu. Lover man – J. Davis e altri.
Louisiana sunday afternoon – Diane Schuur . Fool to Cry – Mick Jagger e altri.
Cry me a river – Arthur Hamilton. My Funny Valentine – R. Rodgers e altri
The Heart of saturday night – Tom Waits. Almost blue – E. Costello e altri.
Save me – Aretha Franklin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.