Mitch Ryder: When You Were Mine – di Bartolo Federico

Mitch Ryder nei primi anni sessanta, anche se giovanissimo, se ne andava in giro con quelle canaglie dei Detroit Wheels cantando con quella voce di carta vetrata che si ritrova, musica R&B e Soul. Iniziò come tanti a suonare per non finire prigioniero dentro una fabbrica. Oggi invece quel lavoro appare come un miraggio. Per via di quel suo carattere schivo, taciturno, e poco propenso ai compromessi, fu tagliato fuori dal quel music business che contava e conta. Cosi, quando sembrava ormai finito dentro lo sgabuzzino dei dimenticati, sbucò dalla nebbia quel piccolo bastardo di John Cougar Mellencamp, che lo riportò in auge. Nell’anno 1983 gli produsse un disco bello sin dalla copertina, “Never Kick A Sleeping Dog”, con quello scatto sul fronte che lo ritrae simile al Marlon Brando di “Fronte Del Porto”. Allora il mondo del rock ebbe un sussulto, un fremito, e si strofinò le mani per quell’eroe ritrovato, accogliendo quel lotto di canzoni con i dovuti onori. Il leone di Detroit” sigaretta tra le dita, carte da poker e bottiglia sul tavolo, con uno sguardo di chi non è abituato a piangersi addosso, si sentì nuovamente fiero di ruggire un blue-collar rock senza compromessi. Come tutti i lupi solitari aspettava solo di risalire su un palco, per dilatare il petto, spremere il dolore, e gonfiarsi di quel rock’n’roll che quando suona sincero e schietto, è come uno scoppio nel cielo… la metà del tuo corpo. Un disco pieno zeppo di romantiche illusioni e, When You Were Mine, che è un pezzo firmato da Prince, suona come un tuffo nella notte, destinato a quelle retrovie del rock a cui di certo non basta il liquore per spegnere il fuoco che gli cova dentro.

When you were mine…  / I gave you all of my money / Time after time… / You done me wrong
It’s just like a train… / You let all my friends, come over and eat / And you were so strange…
You didn’t have the decency to change the sheets / Oh girl, when you were mine…
I used to let you wear, all my clothes / You were so fine… / Maybe that’s the reason that it hurt me so
I know, that you’re going with another guyyyy / Don’t care, ‘cause I love you, baby, that’s no lie…
I love you more than I did, when you were mine / When you were mine…
You were kinda-sorta my best friend / So I was blind… / I let you fool around / I never cared…
I never was the kind to make a fuss / When he was there… / Sleeping in be-tween the two of us
I know, that you’re going with another guyyyy / Don’t care, ‘cause I love you, baby, that’s no lie…
I love you more than I did, when you were mine / When you were mine…
You were all I ever wanted to do / Now I spend my time… / Following him when he’s with you
I know, that you’re going with another guyyyy / Don’t care, ‘cause I love you, baby, that’s no lie…
I love you more than I did, when you were mine
Love you more than I did, when you were mine, (oh no)
Love you more than I did, when you were mine, (oh no)
Love you more than I did, when you were mine, (oh girl)
Love you more than I did, when you were mine, (oh girl)
Love you, love you more than I did, when you were mine, (oh girl)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.