Miles Davis e Thelonious Monk: “Miles & Monk at Newport” (1964) – di Mr. Hyde

Contrariamente a quello che farebbe pensare il titolo, “Miles & Monk at Newport”, pubblicato dalla Columbia Records nel 1964, i due non suonano affatto insieme ma con le rispettive formazioni. Tuttavia, chi avesse la curiosità di ascoltare l’effetto dell’interazione fra questi “mostri sacri” del Jazz, può andarsi a recuperare, ad esempio, Bags’ Groove dall’omonimo album di Davis registrato nel 1954 e pubblicato nel 1957 dalla Prestige, con la partecipazione di altri “pezzi grossi” come  Milt Jackson, Percy Heath, Kenny Clarke. Un’interazione che non c’è in “Miles & Monk at Newport”. In questo caso ognuno esegue il suo assolo sostenuto da basso e batteria e qualche intervento al vibrafono di Jackson
Miles e Thelonius sono due “primedonne”. In particolare Monk ha bisogno di essere rincorso e non seguire, tant’è che suona da solista e non partecipa come elemento della sezione ritmica e con un’armonia di fondo: ognuno dei due tende a sganciarsi dal vincolo tonale, ma con approccio diverso, che renderebbe difficile l’interplayTornando al disco, si tratta di apparizioni anche non contemporanee: il lato A contiene quattro tracce dal vivo dell’esibizione registrata nel 1958 dal famoso sestetto di Davis con John Coltrane al sax tenore, Julian “Cannonball” Adderley al contralto, Bill Evans al piano, Paul Chambers al basso e Jimmy Cobb alla batteria.
Un bebop tiratissimo, quello di Ah-Leu-Cha (C. Parker)Straight, No Chaser” (T. Monk), Two bass Hit (D. Gillespie); mentre Fran Dance, il cui autore è Miles, è impostata su un tema accattivante e su cadenze più ampie. Registrata nel 1958 per la prima volta in studio, fu pubblicata nel 1959 nel famoso “Kind Of Blue”. Il lato B contiene due tracce registrate durante Festivals del 1963 dal quartetto di Monk formato da Butch Warren al basso, Frankie Dunlop alla batteria, Charlie Rouse al sax… con l’aggiunta di Pee Wee Russell al clarinetto: la prima è Nutty, pubblicata nell’album “Thelonius  Monk and Sonny Rollins” (Prestige Records 1954) e in “Thelonius Monk with John Coltrane“  live al Five Spot del 1957 (Jazzland); la seconda è Blue Monk, famoso standard pubblicato per la prima volta in “Thelonius Monk Trio” (Prestige Records 1954). L’intero album è una ricca, preziosa testimonianza di grande Jazz e dei suoi massimi interpreti, in un momento storico di intensa attività e creatività.

Lato A: Ah-Leu-Cha (Charlie Parker) 5:55. Straight, No Chaser (Thelonious Monk) 8:52.
Fran-Dance (Miles Davis) 7:08. Two Bass Hit (Dizzy Gillespie, John Lewis) 4:19.
Lato B: Nutty (Thelonious Monk) 13:57. Blue Monk (Thelonious Monk) 11:18.
Formazioni
Lato A: Miles Davis: tromba. John Coltrane: sassofono tenore.
Julian “Cannonball” Adderley: sassofono contralto. Bill Evans: pianoforte.
Paul Chambers: contrabbasso. Jimmy Cobb: batteria.
Lato B: Thelonious Monk: pianoforte. Pee Wee Russell: clarinetto.
Charlie Rouse: sassofono tenore. Butch Warren: contrabbasso. 
Frankie Dunlop: batteria

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

3 pensieri riguardo “Miles Davis e Thelonious Monk: “Miles & Monk at Newport” (1964) – di Mr. Hyde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.