Miles Davis: “Nefertiti” (1968) – di Mr. Hyde

Risale al 1968 la pubblicazione di “Nefertiti” per la Columbia, album del quintetto di Miles Davis insieme a Wayne Shorter, Herbie Hancock, Ron Carter e Tony Williams. È l’ultimo registrato con questa formazione e, soprattutto, con tutti gli strumenti acustici. Tra il 1968 e il 1969 usciranno “Miles in The Sky” e “Filles De Kilimanjaro” con gli stessi musicisti e con l’aggiunta di George Benson nel primo, e  di Chic Corea e David  Holland in qualche brano nell’altro; orientati però verso il jazz elettrico, che prelude alla definitiva trasformazione del  Miles  autore di “In A Silent Way” del 1969.
“Nefertiti” contiene sei tracce, tre delle quali composte da Shorter, due da Hancock, una da Williams. In alcuni brani (Nefertiti, Fall, Pinocchio) si avverte il chiaro tentativo di stravolgere gli schemi del jazz suonato fino a quel momento, intervenendo sulla struttura, sulla ritmica, sulle gerarchie degli interventi solistici, sull’uso delle note e delle scale. Shorter e Hancock applicano i principi della musica modale appresi dallo stesso Davis e da Bill Evans. In Nefertiti il tema originario di 16 battute è sempre ripetuto dai fiati  tale e quale, senza alcun intervento solistico, e senza variazioni se non nei tempi dell’unisono a volte coincidenti a volte volutamente distaccati come se una fosse l’eco dell’altra.
In tutto ciò alla sezione ritmica è concessa la stessa libertà d’improvvisazione che normalmente viene concessa agli strumenti solistici usuali. Anche in Fall è presente una frase ciclicamente ripetuta ma all’interno di un tema improvvisato, dalla tromba, dal sax o dal pianoforte. In Madness Carter e Williams trascinano i loro compagni in una corsa sfrenata, così come in RiotHand Jive Pinocchio, mentre Hancock sostiene con le sue armonie articolate gli interventi di Davis e Shorter, all’insegna di un sofisticato hard bop.

Miles Davis: trumpet. Wayne Shorter: tenore sax. Herbie Hancock: piano.
Ron Carter: acoustic bass. Tony Williams: drums.

Nefertiti (W. Shorter) – 7:55. Fall (W. Shorter) – 6:39. Hand Jive (T. Williams) – 8:58.
Madness (H. Hancock) – 
7:31. Riot (H. Hancock) – 3:04. Pinocchio (W. Shorter) – 5:09.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: