LP: “Lost On You” (2015) – di Matilde Marcuzzo

Piove! Ore 23. Dove sarai finito, chissà? Le gocce, come lame che abbattute sul vetro sembrano voler penetrarmi le pupille sono speranze cadute dal mondo. Cosi la penso. Qualcuno lassù versa ricordi per colmare la tristezza del cielo. E io, io sono qui. Sono davanti al buio, con un libro che non riesco a leggere più. Una nuova storia è iniziata, forse era già vecchia, forse bisognava soltanto ch’io ne contassi le pagine. Il nuovo è qualcosa che abbiamo perso nel vecchio, è un’emozione di cui gioire, un lampo che in precedenza ci ha mancati. Lui me lo diceva sempre nel nostro passato, una settimana fa. Mi diceva che si sentiva in pericolo, uno stupido perché io sembravo già un razzo stupendo pronto per lo spazio e lui aveva lasciato dalle mani la piccola scintilla morta in un tempo brevissimo.
Quel lui sei tu, solo tu, approdato senza pericoli nel mio mare di pioggia. È novembre, ricordi? … “When you remember all the danger /  we came from / Burning like embers, falling, tender / Long before the days of no surrender / Years ago and well you know” … Anche stamane, dalla mia frenesia, dal mio risveglio col tuo odore vivo, tu, quasi vero, mi hai guardato e mi hai sorriso, come una luce accecante che spaccava il cuscino e apriva questo mio maledetto istante in un frutto da mangiare. Mi sono sentita un dolce, una Baklava greca. Tu hai attraversato le sfoglie del mio essere, hai preso tutto il nettare incerto e gli hai reso una giustizia. Piove ancora. C’è musica, fuori. Mi batte un tetto nelle orecchie. Io sento milioni di rumori rimbombarmi l’anima. Il suono arriva dentro, la caffettiera fischia come un treno che annuncia i tuoi passi. Si. Ogni cosa ha la parvenza di un’anima. Mi devasta, mi muove, mi gira sul divano. Ti voglio! … “All I ever wanted was you / I’ll never get to heaven / ‘Cause I don’t know how” … Non so come ma, uno spirito vaga e vuol prendersi questo passato sofferente dove tu c’eri già e io non lo sapevo. Io non sapevo di essermi già persa in te da milioni di ere, da ogni mio capello silente su ciglia commosse.
Non ti vedo ancora e so di essermi persa in te … “To all the things I’ve lost on you / Oh oh / Tell me are they lost on you? / Oh oh” … Le cose si animano, le case sbirciate da questo balcone sembrano facce, il mio fumo schizzato sul soffitto diventa la tua voce, il foglio in un cellulare, con la frase: “aspettami, ci vediamo!” Pare quasi un testamento d’altruismo e la mia disperazione ha pace nel vino insanguinato dei bicchieri ancora vuoti … “Let’s raise a glass / or two / To all the things I’ve lost on you” … Ti sto ancora aspettando, presto smetterà di piovere e cesserà l’odio e la vanità. Sei perso anche tu? Devi bussare più forte“Ho, oh / Tell me are they lost on you?”Ho fame a mezzanotte. Svuoto le mani come un frigo e consumo le unghie tremule … “Understand the toil of expectations / In your mind” … Stai per caso ritardando davvero? Stai facendo valigie enormi, piene di aspettative, colme di un solo sguardo? Ho una mente folle. La mia mente è cinica, è romantica, è improvvisamente incensurata da quest’oscurità. Apro la porta pesante. È l’ora che fa di questa stanza un giorno pieno di luce e tu sei fermo davanti a me, ti vedo adesso, perseverare carezze su guance incendiate … “Hold me like you never lost your patience / Tell me that you love me more than hate me” …Accomodati, amami. Ti offro il tempo e solo cosi, mentre la pioggia smette e le foglie cadono sei mio, per sempre … “All the time / and you’re still mine”

When you get older, plainer, saner / When you remember all the danger we came from
Burning like embers, falling, tender / Long before the days of no surrender
Years ago and well you know / Smoke ‘em if you got ‘em / ‘Cause it’s going down
All I ever wanted was you / I’ll never get to heaven / ‘Cause I don’t know how
Let’s raise a glass or two / To all the things I’ve lost on you / Oh oh
Tell me are they lost on you? / Oh oh / Just that you could cut me loose / Oh oh
After everything I’ve lost on you / Is that lost on you? / Oh oh
Is that lost on you? / Oh oh / Baby, is that lost on you? / Is that lost on you?
Wishing I could see the machinations / Understand the toil of expectations in your mind
Hold me like you never lost your patience
Tell me that you love me more than hate me all the time
And you’re still mine / So smoke ‘em if you’ve got ‘em / ‘Cause it’s going down
All I ever wanted was you / Let’s take a drink of heaven / This can turn around
Let’s raise a glass or two / To all the things I’ve lost on you / Oh oh
Tell me are they lost on you? / Oh oh / Just that you could cut me loose / Oh oh
After everything I’ve lost on you / Is that lost on you? / Oh oh
Is that lost on you?Oh oh, oh oh / Bab, is that lost on you? / Is that lost on you?
Let’s raise a glass or two / To all the things I’ve lost on you / Oh oh 
Tell me are they lost on you? / Oh oh / Just that you cold cut me loose / Oh oh
After everything I’ve lost on you / Is that lost on you? / Is that lost on you?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.