l’Europa non esiste – Editoriale

Alla prova dei fatti – del tutto prevedibili – si può ben affermare che l’Europa non esiste.
Di fatto non esiste un blocco continentale coeso, innanzitutto nella Politica, che possa pensare di non soccombere di fronte agli altri blocchi continentali che conducono il gioco del risiko mondiale.
Usa, Cina, Russia e paesi emergenti stanno intorno al tavolo… l’Europa no.
Questo però non impedisce alla Germania di perseguire i suoi interessi di nazione…
sfruttando il primato che la vede alla guida della UE.
Il meccanismo ormai è noto. Per mezzo di tutta una serie di personaggi e stati membri compiacenti e proni alla logica del profitto personale e alla visione ristretta della politica, la ditta merkel e co. continua a imporre la sua legge a noi tutti… lasciandoci i cocci di un disastro che la stessa Germania, a lungo andare, pagherà ancora a caro prezzo, come è già accaduto più volte in senso storico.
Il flusso di disperati che danno l’assalto al continente non s’arresta.
Oltre al Mediterraneo, tetro di una disperazione che sale dai gradini più infimi dell’Umanità – così ridotta dall’occidente – le rotte di terra ad est – che convergono sul corridoio sud balcanico – vedono scorrere una fiumara di altri disperati… ma di censo e formazione diversa da quelli che salgono dal continente africano nel caos. Questi altri, appartenenti a una struttura sociale distrutta dai loro carnefici e dittatori sono comunque, di fatto, meglio attrezzati ad affrontare l’esodo e l’approdo europeo. Chi ha avuto modo di vivere e di viaggiare in Medio Oriente sa bene che i siriani hanno sempre alimentato, insieme ai palestinesi, la classe dirigente di tutto il loro continente. I tecnici siriani che vivono e operano sparsi negli altri stati dell’area del Golfo sono una testimonianza di questo.
Allora s’innesca il meccanismo che ci vede impotenti e soccombenti rispetto alla Germania e alle altre nazioni che con questa fanno una squallida comunella.
In luogo di una politica fatta di scelte sagge e dedicate alla costruzione della vera Nazione Europea…
la Germania e i suoi camerieri mettono in atto il peggiore spettacolo di cui sono capaci.
“Non mi occupo delle frontiere del continente e bado solo alla mia… accolgo profughi ad alta specializzazione e scala sociale… e ottengo manodopera qualificata e madri prolifiche che partoriranno altri da sfruttare e gettare dentro all’ingranaggio del profitto…
la schiuma dell’esodo, quella composta dalle scorie più infime… la lascio ai paesi del Mediterraneo e alle loro economie arretrate e governate dallo schiavismo… che non può, come modello, far sviluppare questi paesi… tanto da rappresentare una minaccia al mio
primato“.
Questa e altre azioni dei tedeschi, appartengo alla stessa logica insensata…
Deutschland über alles” (La Germania soprattutto).
In questa semplice frase sta il seme del nazismo e del totalitarismo europeo che, badiamo bene, non proliferò magicamente dalle menti di mussolini e hitler d’incanto.
L’Europa di allora – come quella di oggi – era già popolata di fascismi nazionali che favorirono non poco l’affermazione del terzo reich... tra questi i movimenti sovversivi organizzati come…
Il Partito delle Croci Frecciate (Nyilaskeresztes Párt Hungarista Mozgalom) che governò L’Ungheria
durante le purghe che portarono all’annientamento degli ebrei magiari e di tutto il continente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

editoriale merkel siriana

Un pensiero riguardo “l’Europa non esiste – Editoriale

  • Settembre 14, 2015 in 8:09 am
    Permalink

    Il nazismo si è avvalso di una macchina propagandistica perfetta, che si è insinuata e permeato il tessuto sociale tedesco in maniera capillare. In tutti gli aspetti della vita si propagandava:” non sei tedesco se non ti comporti così ……..”; addirittura indicando quale tipo di cibo avrebbero dovuto mangiare (non sto scherzando). Adunate, manifestazioni, attività atletiche ….. dalle quali erano esclusi i “subumani” . Tutta questa propaganda serviva a inculcare il mito degli ariani, la razza eletta, che di lì a poco avrebbe sfornato soldati spietati, che come giustificazione ai loro crimini efferati, avrebbero risposto freddamente che semplicemente stavano eseguendo ordini.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.