Led Zeppelin: “Led Zeppelin” (1969) – di Nicholas Patrono

Le più grandi favole iniziano con “C’era una volta” ma questa, che più che una favola è una leggenda i cui protagonisti sono quattro giovanotti inglesi, si apre con le prime note di Good Times Bad Times. Ancora sconosciuti, i Led Zeppelin si mettono da subito in mostra con un tratto musicale ben distinguibile, che fonde influenze Blues al Rock più classico, nelle strutture, nella forma-canzone e nelle sonorità. Uscito il 12 gennaio 1969, “Led Zeppelin” (conosciuto anche come “Led Zeppelin I”) è il primo atto della band inglese, quello con cui Robert Plant, Jimmy Page, John Paul Jones e John Bonham hanno iniziato a ritagliarsi il proprio spazio nella leggenda. Tra gli artisti musicali più amati ed influenti di sempre, i Led Zeppelin, al loro disco d’esordio, si presentano con un sound ben definito, mantenuto e arricchito da “Led Zeppelin II” (1969), poi destinato ad evolversi nel futuro tramite le influenze del disco di transizione “Led Zeppelin III” (1970), fino a culminare in “Led Zeppelin IV” (1971). Una carriera sostenuta a suon di Rock e di pezzi memorabili, proseguita senza – troppi – scossoni stilistici con “Houses of the Holy” (1973), “Physical Graffiti” (1975), “Presence” (1976) e poi con il più sperimentale “In Through the Back Door” (1979), fino al conclusivo “Coda” (1982), disco di b-sides e tracce mai utilizzate, uscito due anni dopo la morte di John Bonham e lo scioglimento della band. Con questo articolo si vuole tornare indietro, ripercorrere le origini di una band che, piaccia o no, ha influito moltissimo sull’evoluzione musicale. È Good Times, Bad Times, primo brano in assoluto, a presentare i Led Zeppelin al mondo: riff di chitarra semplice ed efficace, ritornello memorabile, basso a modo suo protagonista e batteria che scandisce il ritmo come solo Bonham sapeva fare, con il suo groove e quel tocco personale così caratteristico. Brano d’impatto, scelto non a caso come primo singolo, in quanto sono presenti tutti gli elementi che caratterizzano il lato più Hard Rock dei Led Zeppelin. Radicalmente opposto l’inizio di Babe I’m Gonna Leave You, un riarrangiamento di una canzone degli anni 50 della cantante Folk Anne Bredon; elemento, quello del Folk, destinato a tornare più volte nei futuri lavori dei Led Zeppelin, specie in “Led Zeppelin III”. Brano poliedrico e più che godibile, scorre con grande piacere, nonostante i quasi 7 minuti di durata. Segue un altro riarrangiamento, You Shook Me, questa volta di un brano Blues di Willie Dixon. Artista, Willie Dixon, del quale i Led Zeppelin realizzeranno un altro riarrangiamentoBring It on Homein, in “Led Zeppelin II”. Ben tre assoli impreziosiscono You Shook Me: uno di organo, eseguito da John Paul Jones, uno di armonica, di Robert Plant e uno di chitarra, di Jimmy Page. Ulteriore dimostrazione, questo brano, che i Led Zeppelin non sbagliano un colpo, quando scelgono di presentarsi in versione Blues. Altro pezzo riarrangiato, Dazed and Confused, originariamente di Jake Holmes, si apre con un’atmosfera che condivide molti elementi con il pezzo precedente. Più Hard Rock che Blues, il pezzo è stato registrato da Page in un solo take, con una chitarra Telecaster suonata con un arco di violino. Brano cadenzato, costruito su battute di 12/8; si accelera nella sezione centrale, durante l’assolo di Page, scritto in 4/4. Pezzo sorprendente, da riascoltare più volte per apprezzarne ogni sfumatura. Aperta dalle note di un organo, la seguente Your Time is Gonna Come si presenta con un’atmosfera quasi ecclesiastica, che poi sfocia in una strofa rilassata, fino ad un ritornello arioso, molto semplice, orecchiabile ed efficace. Intermezzo più calmo, senza troppe pretese, che rientra precisamente nella “comfort-zone” compositiva dei Led Zeppelin, il brano permette un po’ di riposo all’ascoltatore. Il pezzo sfuma nella strumentale Black Mountain Side, traccia basata sull’arrangiamento del musicista scozzese Bert Jansch (ricordate i Pentangle?) della canzone popolare Down by Blackwaterside. Una piccola coda, un passaggio collegato alla fine di Your Time is Gonna Come, che prepara l’ascoltatore alla nuova accelerazione del ritmo che arriva con Communication Breakdown. Divertente tanto da ascoltare, quanto da suonare, divenuta parte fissa dei loro concerti, Communication Breakdown è uno dei primi pezzi a cui i Led Zeppelin abbiano mai lavorato. Costruita su un riff tanto basilare quanto efficace di Page, la canzone, molto breve, scorre via piacevole e divertente. Si torna al Blues con I Will Quit You Baby, altra cover di Willie Dixon. Più pacata e cadenzata di gran parte del materiale più Rock del disco, I Will Quit You Baby esplora la dimensione del Blues, tanto cara ai Led Zeppelin quanto apprezzata dal loro pubblico, e lo fa con maestria sorprendente, per quattro ragazzi al loro disco d’esordio. Rilassante, ascoltandola si ha quasi l’impressione di venire corteggiati dalle note, una sensazione che permane fino alla traccia conclusiva, la lunga How Many More Times. Costruita improvvisando su How Many More Years, una canzone Blues di Howlin’ Wolf, e su un riff di chitarra di Jimmy Page, sviluppatasi in una jam session in cui ha trovato spazio anche una sezione di Bolero, la canzone accompagna l’ascoltatore per ben 8 minuti e mezzo, tra accelerazioni, decelerazioni, virtuosismi e momenti di maggiore tranquillità. Sfuma l’ultima nota – per i più nostalgici, si toglie il vinile dal piatto – e così si chiude il primo disco dei Led Zeppelin. Preludio a tutto ciò che sarebbe venuto, dalle influenze Folk del “III” ai brani più complessi, lunghi e intricati come Stairway to Heaven, “Led Zeppelin” è penalizzato dall’eccessiva quantità di arrangiamenti e cover di altri artisti e dalla scarsezza di brani originali, ma rimane un disco dal cui ascolto non si può prescindere. Può farci impazzire, semplicemente piacere, o ancora può non entusiasmare, ma con i suoi 44 minuti circa di durata, esattamente 50 anni fa, “Led Zeppelin” ha piantato il seme di un albero che è cresciuto negli anni e si è sviluppato nei decenni. I frutti sono stati dapprima l’Hard Rock degli illustri successori dei Led Zeppelin, e più avanti ancora l’Heavy Metal moderno, da cui si sono poi ramificati decine di sottogeneri. Onore alla memoria di John Bonham, che ci ha lasciato 39 anni fa, e onore alla carriera di questi quattro ragazzi londinesi: dodici anni cristallizzati nel tempo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.