I Rio: “Buona Vita” (2019) – di Capitan Delirio

Non si può sempre indugiare sul lato negativo dell’esistenza. Ci sono, a volte, anche giornate buone. Può capitare addirittura che ci sia un intero anno facile, o solo il forte desiderio che possa esistere, senza insidie, che permetta di rincorrere la speranza che qualcosa possa cambiare. Farsi attraversare da quell’energia che, come una scossa, fornisce lo stimolo necessario a impossessarsi del calore piacevole del sole, a farsi accarezzare dal vento, tra i capelli, sul viso. Innamorarsi e poi sentire il sapore frizzante della libertà che ci permette di riconoscere gli ingredienti necessari a rendere la vita una “Buona Vita” (2019), come ci consigliano i Rio nel loro nuovo progetto discografico. Una band che già da tempo è abituata a strutturare brani ben composti e muoversi a perfetto agio anche in questa selezione che ha i sentori dell’estate e della spensieratezza muovendosi lungo sonorità Pop ma che sanno cogliere morbidezza e sensualità con ritmi Reggae come da manuale, riuscendo anche ad impartire sferzate di energia con riff elettrici degni del Rock più puro. Tra ballate e ritmi sostenuti, tutti i brani sono immediati e, potremmo citare a caso E (con uno dei titoli più corti in assoluto ma tra i più lunghi all’interno della lista), Scintilla e la title track che danno un’idea delle varie direzioni musicali che può prendere “Buona Vita”. Viene voglia di salire in macchina e far girare il disco nello stereo al massimo del volume. Andare incontro all’estate, alla propria rivoluzione, concentrandosi solo ed esclusivamente su quello che ci fa stare bene, fregandosene di cosa possa pensare la gente che ci preferisce succubi, affannati, depressi, e godersi finalmente il tempo, il tempo ritrovato, i sentimenti, la libertà, la vita.

Fabio Mora (voce), Fabio ”Bronski” Ferraboschi (basso),
Gio Stefani (chitarra), Alberto “Paddo” Paderni (batteria).

Tracklist: 1. Meno Male. 2. Un anno facile. 3. Un giorno in più. 4. E.
5. Dopo c’è il blu. 6. Buona vita. 7. Scintilla. 8. La tua rivoluzione. 9. Stranamore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.