Gabriella Ferri – Gita a li castelli

Guarda che sole
ch’è sortito Nannì
che profumo de rose
de garofani e pansè.
Come tutto un paradiso
li Castelli so’ accosì.
Guarda Frascati
ch’è tutto un sorriso
‘na delizia, n’amore,
‘na bellezza da incanta’.

Lo vedi, ecco Marino
la sagra c’è dell’uva
fontane che danno vino
quant’abbondanza c’è.
Appresso viè Genzano
cor pittoresco Albano
su viett’a diverti’
Nannì Nannì.

Là c’è l’Ariccia
più giù c’è Castello
ch’è davvero un goiello
co’ quel lago da incanta’.
E de fravole ‘n profumo
solo a Nemi poi senti’.
Sotto quel lago
un mistero ce sta
de Tibberio le navi
con l’antica civiltà.

So mejo de la sciampagna
li vini de ‘ste vigne
ce fanno la cuccagna
dar tempo de Noè.
Li prati a tutto spiano
so’ frutte, vigne e grano
s’annamo a mette lì
Nannì, Nannì.

È sera e già le stelle
te fanno un manto d’oro
e le velletranelle
se mettono a canta’
se sente ‘no stornello
risponde un ritornello
che coro vie’ a senti’
Nannì, Nannì.

“Na gita a li castelli” (Nannì) 1926
testo di Franco Silvestri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: