Francesco Mascio: “Wu Way” (2018) – Il nuovo album in concerto

Una chitarra e le dita del chitarrista, la sua arte, il suo pensiero. Sono anni che Francesco Mascio nei suoi dischi da solista cerca di raggiungere l’equilibrio musicale perfetto, attraverso il suo strumento e l’avvicinamento alle filosofie orientali. Ci aveva già dato un pregevole esempio con il suo precedente lavoro “Ganga’s Spirit” e continua sullo stesso solco con questo nuovo progetto: “Wu Way”. In cui risalta in maniera evidente il gioco di parole tra Wu WayWu Wei, la dottrina taoista della non azione, del tempo dedicato a se stessi, della ricerca dell’equilibrio psichico e vitale e il processo di interiorizzazione della stessa filosofia che ha coinvolto Francesco andando a fondersi con le sue passioni più intime. Come l’acqua ha trovato più strade per viaggiare attraverso la sua creatività, per frammentarsi in mille rivoli, miscelarsi, unirsi e poi fuoriuscire in nove composizioni che congiungono le derive Jazz e occidentali ai richiami della tradizione asiatica. Perfettamente modulato l’utilizzo tra la chitarra (elettrica e classica) e la singing bowl o le wind chimes, i dialoghi armoniosi tra Indian bells e Indian cymbals, con gli incantevoli intarsi di Sanjay Kansa Banik alla Tabla in Balla Con Buddha, Gabriele Coen al Sax in Tiziano Terzani e Susanna Stivali alla voce in Arpeggio Elementale. Sono onde morbide che con il loro movimento ciclico invitano alla meditazione e al movimento, alla preghiera e all’incanto e trovano il loro punto di equilibrio nell’ascolto. È questo l’invito fondamentale: l’ascolto di questo disco, l’ascolto che ognuno dovrebbe dedicare a se stesso e agli altri… lasciandosi andare.

Gabriele Peritore (Magazzini Inesistenti).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Mascio: “Wu Way” il nuovo album del chitarrista e compositore tra radici jazz, influenze World e sperimentali in CD & Digitale da Filibusta Records. Con Susanna Stivali (voce). Gabriele Coen (sax). Sanjay Kansa Banik (tabla). Registrato al Nutone Lab a Roma nel maggio 2018 da Filippo ManniFrancesco Mascio: chitarra elettrica con relativi effetti (loop station ecc), chitarra acustica e classica. Le chitarre non sono mai state sovraincise. Strumenti e suoni: singing bowl, indian bells, cymbals, dan moi, wind chimes, shaker, clapping e altri oggetti sonori. Concerto di presentazione: domenica 7 ottobre 2018. Auditorium Parco Della Musica Roma ore 18.00. Sala Teatro Studio Borgna (Ingresso 15 euro – apertura cassa ore 17).

Biografia: Francesco Mascio, chitarrista e compositore italiano, nasce a Cassino nel 1981. Ha all’attivo una pluriennale carriera con un numero di concerti a quattro cifre sia in Italia: da Torino a Caltanissetta, passando per Milano, Bologna, Roma, Napoli; sia all’estero in Europa e negli Stati Uniti. Numerosi album tra i quali ricordiamo “Europa Jazz Quartet” (2012), “Mantras for a New Era” (2013), “Ganga’s Spirit” (2015), “Jaggae” (2017) che l’ha portato a suonare all’Auditorium Parco della Musica di Roma e “Wu Way” (2018). Ha avuto modo di suonare con i grandi maestri del Jazz come Tony Monaco, Francisco Mela, Shawnn Monteiro, Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, Karl Potter, Crystal White, Gegè Telesforo, Rosario Giuliani, Pippio Matino e molti altri. Le sue composizioni hanno attraversato numerosi stili per giungere oggi a una produzione del tutto originale e caratterizzante. Come tutti gli artisti non ama essere identificato con un genere specifico ma, se volessimo trovare una sua collocazione potremmo farlo rientrare in un peculiare “Jazz Crossover”. La sua vocazione è palesemente la sperimentazione, da oriente a occidente, senza confini. Perché Francesco Mascio assorbe ogni esperienza, vissuta e osservata, e la trasforma in una profonda suggestione che, attraverso la musica, condivide con il resto del mondo.

Marco Baranello (Marketing e Comunicazione).

Contatti: New Model Label – Govind Khurana – govindnml@gmail.com – 348 8836595.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *