Francesco De Gregori – Rollo & his Jets

Se potessi questa sera ascolterei
volentieri Rollo con gli amici suoi
come ai tempi che le radio funzionavano a valvole
e i bambini eravamo noi.
In un programma dalle sette alla sette e venti
andava in onda tutti i lunedì
si intitolava se ricordo bene
“Il discobolo” o giù di lì.

Una musica tutta chitarra e batteria
l’altoparlante faceva ‘crok’
ed il più grande dei nostri amici
quelle canzoni le chiamava rock.
Se potessi questa sera ascolterei
volentieri Rollo con i suoi Jets
e quel bassista mezzo messicano 
soprannominato “Chicco di caffè”.
E il chitarrista con quel nome strano
ma chi se lo dimentica più?
Con quel suo stile sudamericano
ma che ogni tanto svisava blues.

Una musica tutta chitarra e batteria
con il rullante che faceva ‘toc’
ed il più esperto dei nostri amici
quelle canzoni le chiamava rock.

Se potessi questa sera ascolterei
volentieri a Rollo qualche novità
è un po’ che non si sentiva
ma questa sera è ritornato qua.
Con un programma che ci porta
attraverso il mare
fino all’America e pure più in là
le nere vele di una nave a vapore
da consegnare alla posterità.

Una musica tutta chitarra e batteria
con il rullante che faceva ‘toc’
ed il più esperto dei nostri amici
quelle canzoni le chiamava rock.

rollo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.