Eveline’s Dust: “K.” (2019) – di Fabio Rossi

“K.” (2019) è il titolo del nuovo lavoro della talentuosa band pisana Eveline’s Dust (monicker ispirato da Eveline, uno dei racconti di James Joyce contenuti nella raccolta “Gente di Dublino”) pubblicato a distanza di tre anni dal mirabile debut album “The Painkeeper”. Analogamente al primo disco, “K.” è un concept dalla trama tanto significativa quanto drammatica. Il personaggio centrale è una giovane ragazza sfortunata (K. è proprio l’iniziale del suo nome) affetta da un male incurabile che a poco a poco la sta devastando. La giovane deve lottare ogni giorno contro l’ineluttabile paura della morte, un evento che cerca disperatamente di allontanare il più possibile perché lei ha voglia di vivere e non vuole soccombere all’infausto destino. In un certo qual modo K. è una sorta di eroina dalla quale ognuno di noi dovrebbe prendere esempio ogniqualvolta ci adombriamo per questioni risolvibili. Le sette tracce che compongono il platter sono in sostanza le storie di coloro che hanno gravitato attorno alla vita della protagonista (infermieri, amori, compagni di scuola, amici, parenti) persone che l’hanno aiutata e altre che l’hanno umiliata, come si evince nella traccia Hope. Sotto il profilo musicale, il full length segue le stesse direttrici di “The Painkeeper”, il quale è stato accolto favorevolmente sia in Italia che all’estero, per cui reputiamo tale scelta assolutamente condivisibile. Il prog di matrice romantica anni 70 (King Crimson, Genesis, Gentle Giant, PFM) viene abilmente alternato a venature jazz rock (Perigeo) e a riferimenti neoprogressive (Porcupine Tree, Marillion, Dream Theater) in un caleidoscopio sonoro perfettamente concepito che ha il pregio di risultare sempre godibile all’ascolto, grazie all’accuratezza degli arrangiamenti e alla versatilità strutturale delle composizioni. Gli Eveline’s Dust, anche in questo frangente, si sono avvalsi della collaborazione di alcuni special guest. Fra gli ospiti spicca il ritorno di Federico Avella con il suo prezioso supporto al sax e al flauto traverso; da menzionare, inoltre, l’apporto della singer Lorenza Catricalà. L’atmosfera greve di cui è intriso l’album si manifesta già nell’opener A New Beginning, dominata da un arpeggio di chitarra su cui si staglia l’ugola di Nicola Pedreschi. Il brano esplode quando la Band entra nel pieno delle sue potenzialità, catapultandoci in un tessuto sonoro inequivocabilmente “targato Eveline’s Dust”. Questo è forse il complimento migliore che si possa fare a una formazione emergente. Non ci si aspetta, difatti, originalità… probabilmente è ormai una mera utopia ma, quantomeno, il tentativo di dimostrare una grande personalità artistica, accostabile a quella dei blasonati gruppi sopra menzionati. In Fierce Fear Family si impone il drumming di Angelo Carmignani, mentre nella commovente Hope svetta l’ipnotica chitarra di Lorenzo Gherarducci. La breve title track è anche il singolo estrapolato da “K.”, accompagnato da un suggestivo videoclip. Il combo è in forma smagliante, sia quando si lancia in cavalcate ardimentose che quando rallenta il ritmo, come nel caso della seguente Lost In A Lullaby. Il finale di questo brano è al fulmicotone, uno dei momenti migliori di “K.”. Faintly Falling dispone di un andamento quasi etereo impreziosito dall’eccellente vocalism di Lorenza Catricalà. Chiudono l’album i quasi dieci minuti di Rain Over Gentle Travellers, una sorta di mini suite che possiede tutti i crismi per essere annoverata tra le migliori composizioni degli ultimi tempi. Il pathos cresce sempre di più fino alla parte conclusiva, in cui inquiete note di chitarra preannunciano l’ormai prossima prematura scomparsa di K. che sta per consegnarsi alla “Signora con la Falce”: prima di lasciarci vuole cantare un’ultima volta per i suoi cari e vederli sorridere ancora. Struggente, non occorre aggiungere altro. Consiglio l’uso degli auricolari per assaporare meglio le sfumature di quello che reputo un grande disco e con orgoglio aggiungo “realizzato da una band italiana”.

Tracklist: 1. A New Beginning2. Fierce Fear Family3. Hope4. K..
5. Lost In A Lullaby6. Faintly Falling7. Rain Over Gentle Travellers.
Line-up: Lorenzo Gherarducci – Guitars. Nicola Pedreschi – Keyboards, Vocals.

Marco Carloni – Bass. Angelo Carmignani – Drums.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.