ECHOES FROM THE WORLD – Silvi Marina (TE) – 17.4/1.5/8.5 2015

11074767_10204761592692951_7084545753245078802_o

 

Riceviamo e pubblichiamo

Il Virgin Queen english Pub di Silvi Marina (Te), in collaborazione con Eder,

presenta…
“ECHOES FROM THE WORLD”
una splendida rassegna di tre concerti con artisti provenienti da terre differenti e lontane tra loro, ognuno con le proprie radici sociali, culturali e musicali…
Tre imperdibili concerti in una elegante location in cui si respira l’aria degli storici jazz e blues clubs
VENERDI 17 APRILE – JACQUI NAYLOR 4et (U.S.A.)
VENERDI 1 MAGGIO – GREGG KOFI BROWN (GHA)
VENERDI 8 MAGGIO – PERLA feat. LUCA GIORDANO (ITA)cena concerto €25 – ingresso con consumazione €10
info e prenotazioni 334.62.10.210VENERDI

JACQUI NAYLOR vocal
ART KHU guitar, piano
GIORGIO VENDOLA bass
JOSH JONES drums


link video: https://youtu.be/1ipXFTuvULQ

Jacqui Naylor, è un’artista molto “jazz-friendly”, il suo stile si è sviluppato grazie ad una lunga lista di influenze e al suo lavoro introspettivo – influenze che vanno da Billie Holiday, June Christy, e Nina Simone a Tracy Chapman, Natalie Merchant, Carole King, e Sheryl Crow. Questa è una combinazione inusuale di influenze, certo, ma è grazie a queste che Naylor ha sviluppato un personale stile molto riconoscibile. Naylor ha un repertorio molto vario; sul palco, lei può eseguire brani di Tin Pan Alley subito dopo qualcosa dai Rolling Stones o Talking Heads (con arrangiamenti totalemente originali). Naylor non è un tipo troppo aggressivo, lei favorisce sottigliezza, moderazione e sobrietà, ingredienti necessari per un concerto di rara eleganza.

Jacqui Naylor ha registrato il suo omonimo album di debutto (Jacqui Naylor) nel 1998 e ha fondato la sua etichetta indipendente, Ruby Star Records, l’anno successivo. Ha continuato a registrare molti altri album con la Ruby Star Records, tra cui “Live at the Plush Room in 2001,” Shelter “, nel 2003, il doppio CD set “Live East West Birdland-Yoshi’s ” nel 2005,” The Color Five “nel 2006 , “Smashed for the Holidays” nel 2007, “You Do not Know Jacq” nel 2008, “Lucky Girl” nel 2011, e “Dead Divas Society” nel 2013. Un documentario DVD , “Lucky Girl – a Portrait di Jacqui Naylor, “è stato prodotto da ArtiDocs nel 2012.

GREGG KOFI BROWN guitar, vocal
MASSIMILIANO “COX” COCLITE keyboards
GLAUCO DI SABATINO drums

link video: https://youtu.be/QjmNJz3pCFA
ha suonato come bassista con Amadou & Mariam, di Damon Albarn African Express, Joe Cocker, Beth Orton, Bomb the Bass, Finley Quaye, Eric Burden & è sin dalla fondazione un membro degli Osibisa dove suona la chitarra, il basso e voce solista. Il suo album, acclamato dalla critica, Gregg Kofi Brown & Friends ‘Together as One’ che vede la partecipazione tra gli altri di: Sting, Billy Cobham, Stanley Jordan, Des’ree e Gabrielle. Gregg Kofi Brown recentemente ha scritto e cantato il brano “Fallout” per il nuovo album di Dennis Chamber’ Groove and More ‘; è stato il produttore esecutivo dell’ Evening Standard cover-mount CD 2003 in memoria di Damilola Taylor, che ha visto la partecipazione di artisti del calibro di Robbie Williams, Craig David, Gorillaz, blu e Ms.Dynamite.
Negli anni Ottanta la canzone di Gregg ‘Baby Talk’ (registrato dalla Alisha) è stato la numero uno nella classifica di Billboard Dance che recentemente è stata riproposta da Patti Austin.
Gregg Kofi ha recitato in diversi musical tra cui: Tommy, The Buddy Holly Story ed ha interpretato Jellyroll Morton presso il Royal Court Theatre, Gregg ha ricevuto il plauso della critica per la sua performance nella produzione di ‘A Tribute To The Blues Brothers’.
E’ stato scelto per interpretare il ruolo di Barry White per un tour teatrale da 2015.
Il suo live set sarà composto di Beat Afro, Highlife, jazz funk africano e afro \ latino pop classici.
Gregg Kofi Brown ha articoli pubblicati da The Guardian, The Indipendent, Melody Maker e The Voice Newspaper. Il suo nuovo singolo ‘Chasing Rainbows’ è previsto in uscita nel mese di luglio 2015. La sua autobiografia ‘Rock n Roll & UFO’ è fissato per rilascio in aprile 2015.

PERLA vocal
LUCA GIORDANO guitar
ABRAMO RITI Hammond
BRUNO MARCOZZI drums

link video: https://youtu.be/LlH10ZaAMBA
Emanuela Donati nasce nel 1982 a Pescara e rinasce come Perla, nella vita prima e nella musica poi, nel 2010..
Ha sempre tenuto nascosto il suo talento e il suo entusiasmo per il canto fino a pochi anni fa… fino a quando l’esigenza di mettersi in gioco è diventata assoluta… iniziando così a frequentare le prime jam sessions
E proprio durante una serata in cui era una “semplice” spettatrice, battezza la sua nuova identità con grandiosa potenza. L’occasione è fortuita: viene chiamata a cantare da un amico, ma vuole prendere tempo e fumare una sigaretta, il microfono si frappone, imponente, tra lei e l’uscita. L’attrazione è troppo forte, fatale, giusta. Perla decide di cantare, improvvisando… ed è un vero trionfo. Di qui in poi Perla e la musica non si sono più lasciate. Comincia a tenere concerti con musicisti e formazioni spesso differenti, sperimentando ed evolvendosi. I musicisti vanno e vengono, cambiano, ma la voce di Perla rimane il centro attorno al quale l’armonia prende forma.
Nel 2012 l’incontro con ARTURO VALIANTE piano, ABRAMO RITI Hammond, WALTER MONINI bass, BRUNO MARCOZZI drums, SABATINO MATTEUCCI saxes, da cui nasce l’esaltante esperienza di “Perla and the Jazzmen” con il progetto “from Billie to Janis…”, un progetto in continua evoluzione che ha portato la band a tenere numerosi concerti in club, piazze e festivals e che si è arricchita recentemente della preziosa tromba di CLAUDIO CESAR CORVINI.
Dopo una pausa di nove mesi e l’arrivo di Naima, Perla è rientrata lo scorso 26 settembre a Teramo, registrando il sold out in teatro con il concerto “Perla is back”, che, oltre ai Jazzmen, ha avuto per la prima volta in line up la chitarra blues di LUCA GIORDANO. Da quest’esperienza è nato il progetto “PERLA feat. Luca Giordano – Blue Pearls”.
Piccoli tasselli dunque, che compongono il quadro di una jazzwoman old school: tutto istinto e voce”Blue Pearls”
Perla, per la prima volta in tour con Luca Giordano, incontra le regine che hanno scritto la storia del jazz e del blues insieme a musicisti di grande talento che impreziosiscono il concerto grazie all’originalità degli arrangiamenti e al sound, raffinato, intenso, ricco di groove e atmosfere, attraverso un viaggio americano al di là dello spazio e del tempo, in cui ci si può ritrovare, senza una cronologia storica rigida, in un jazz club della 52th e un attimo dopo sul Sunset Boulevard, giù nel Delta o in un vicolo di Harlem, a Woodstock, o semplicemente, in un motel con un tizio che suona la tromba nella camera a fianco…
Billie Holiday, Ella Fitzgerald, Aretha Franklin, Diane Schuur, Erikah Badu, Norah Jones, Janis Joplin… e lungo la strada capiterà d’incrociare Sam Cooke, Tom Waits, persino i Rolling Stones…
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *