Echo & The Bunnymen: “The Killing Moon” (1984) – di Flavia Giunta

Esistono concetti che non ci si aspetta di sentire in una canzone; esiste una canzone per ogni concetto. nel caso di The Killing Moon, l’ineluttabilità del destino. La morte della volontà. Qualcosa che supera tutte le nostre circostanze, i nostri calcoli: la morte stessa, o l’amore? O sono magari la stessa cosa“Ti ho visto sotto la luna blu”; luna blu, vale a dire la seconda luna piena nell’arco dello stesso mese: un evento raro e misterioso. Un segno. La luna, l’elemento ricorrente della canzone, faro nella notte e calamita per le anime insonni“Così presto tu mi prenderai / fra le tue braccia, troppo tardi per supplicarti / o cancellarlo”. La voce narrante è consapevole di non poter evitare il proprio destino. Canta con rassegnazione e quieta tristezza. “…sebbene io sappia che questo sia / il momento di uccidere / mio controvoglia”.
Non è il protagonista a compiere l’atto, ma a subirlo; le parole possono sembrare affilate come coltelli ma la melodia è avvolgente come un morbido tendaggio, creando il contrasto alla base della canzone e, forse, dell’intera esistenza. Il ritornello inizia con una parola volutamente ambigua: “fate” sta sia per destino, fato, sorte che per morte. Tutto ciò che non possiamo controllare, in quattro lettere. “Contro la tua volontà / Nella buona e nella cattiva sorte / Lui aspetterà finché / Non ti donerai a lui”… È solo questione di tempo. “Ti ho visto nelle notti stellate”; l’ambientazione è sempre notturna. È nell’oscurità che risiedono le paure dell’uomo, nonché le forze motrici dell’universo. “Così crudelmente mi hai baciato / Le tue labbra, un mondo magico / Il tuo cielo tutto cosparso di gioielli”. C’è bellezza nell’abbandono, nell’annichilimento del proprio ego. “La luna che uccide / Arriverà troppo presto”. Sshhhh… Eccola che arriva.

Under blue moon I saw you / So soon you’ll take me
Up in your arms too late to beg you / Or cancel it though I know it must be
The killing time / Unwillingly mine
[Chorus]
Fate / Up against your will / Through the thick and thin / He will wait until
You give yourself to him /
In starlit nights I saw you / So cruelly you kissed me
Your lips a magic world / Your sky all hung with jewels / The killing moon
Will come too soon
[Chorus] and [Solo]
Under blue moon I saw you / So soon you’ll take me
Up in your arms, too late to beg you / Or cancel it though I know it must be
The killing time / Unwillingly mine
[Chorus] x3
Fate / Up against your will / Through the thick and thin / He will wait until
You give yourself to him / You give yourself to him / Fate
Up against your will / Through the thick and thin / He will wait until
You give yourself to him / You give yourself to him…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un pensiero riguardo “Echo & The Bunnymen: “The Killing Moon” (1984) – di Flavia Giunta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: