David Sylvian: “Gone to Earth” (1986) – di Ubaldo Scifo

Terza esperienza da solista per David Sylvian, “Gone to Earth” (1986) è un doppio album nella versione LP vinile uscito nel 1986 per la Virgin Records. Esperienza condivisa con Robert Fripp, con gli ex Japan, Steve Jansen e Richard Barbieri, con Mel Collins (ex King Crimson), Kenny Wheeler e Harry Beckett (fiati) e John Taylor (pianoforte) presi in prestito dal jazz, e chitarristi di gran pregio come Bill NelsonPhil PalmerB.J.Cole. Insieme a Ian Maidman (bass) e Steve Nye (pianoforte). Come si vede, ha contribuito un personnel di grande classe, per un risultato veramente pregevole e affascinante. Dei due dischi il primo è di canzoni nel classico stile Sylvian, cui ci ha abituato già prima con “Brilliant Trees” (1984), con in più la pregevole presenza chitarristica di Fripp e le calde sonorità jazz impresse dai fiati e dal pianoforte. Il secondo è strumentale ed è più vicino all’ambient e alle atmosfere create da Fripp e Brian Eno in “Evening Star” (1975).
L’album è ricco di momenti di intenso lirismo, come la parte solista al flicorno di Kenny Wheeler in uno splendido interplay con il pianoforte di John Taylor in Laughter & Forghetting, o come una eco lontana che emerge dalla tempesta di effetti sintetici e chitarre distorte in Before The Bullflght, dove si rivelano i Japan di Gosts in “Tin Drum” (1983), o ancora il suono e le note del sax soprano di Mel Collins in River Man e in Silver Moon. L’impronta potente di Fripp, il suo modo inconfondibile di suonare la chitarra, la presenza del frippertronics, vengono assorbite e armonizzate dall’intelligenza di Sylvian e trasformate in poesia. “Con una candela accesa / Un libro di cose sante / Ti lanceranno contro il muro / Legate le mani con le corde” (da Gone To Earth). 
La simbologia del triangolo, del quadrato del cerchio, il sole, la terra, il fuoco, l’acqua: basta dare uno sguardo alla copertina e ascoltare i testi per rendersi conto che l’album trova il suo sviluppo nell’incontro-scontro tra Sacralità e Maledizione, Amore e Violenza, Carne, Sangue e Spirito… e continuando su questa scia. E dove David Sylvian è blu, sacralità, spiritualità, aria e cielo, Robert Fripp è rosso, carnalità, animalità, terra e fuoco. In abiti bianchi, tutto pronto per salpare, una bambina sogna di prendere il velo”: in Taking the Veil la voce di Sylvian è il candore, l’innocenza, cui si contrappone  la chitarra elettrica di Fripp che entra e brucia come le fiamme dell’inferno, e poi l’assolo splendido con la chitarra acustica di Phil Palmer. I due assoli insieme, sorretti dalla ritmica incessante, tribale di Steve Jansen (percussioni) e Ian Madman (basso) che infine si dissolvono sotto una pioggia di armonici. Non resta che ascoltare col fiato sospeso.

Disco 1 (Lato A): 1) Taking The Veil. 2) Laughter & Forghetting. 3) Before The Bullflight.
4) Gone To Earth (Fripp/Sylvian). (Lato B): 1) Wave. 2) River Man. 3) Silver Moon.
Disco 2 (Lato C): 1) The Ealing Place. 2) Answered Prayers (Sylvian).*
3) Where The Railroad Meets The Sea. 4) The Wooden Cross
5) Silver Moon Over Sleepin Steeples. (Lato  D): 1) Camp Fire: Coyote Country (Fripp/Sylvian). 
2) A Bird Of Prey  Vanishes Into A Bright Blue Cloudless Sky. 3) Home
4) Sunlight Seen Through Towering Trees. 5) Upon This Eearth (Fripp/Sylvian).

David Sylvian è autore di tutti i brani eccetto dove indicato.
*
https://en.wikipedia.org/wiki/Bill_Nelson_(musician)

David Sylvian: lead vocals, keyboards (A1, A3, B1, B2, B3), guitar (A1, A3, A4, B2)
electronics (A1, A2) Robert Fripp: guitar (A1, A4, B1, B2, B3, D1, D5),
Frippertronics (A4, B1, B2, B3). Steve Jansen: drums (A1, A3, B1, B2, B3). 
Phil Palmer: acoustic guitar (A1). Ian Maidman: bass (A1, B2, B3). 
Kenny Wheeler: flugelhorn (A2, A3). John Taylor: piano (A2). 
Bill Nelson: guitar (A3, B1, B3, C1, C2, D4). Richard Barbieri: electronics (A3, B1). 
Harry Beckett: flugelhorn (B1). Mel Collins: sax (B2, B3). B.J. Cole: pedal steel (B3, C5). 
Joseph Beuys: voice (C1). John G. Bennett: voice (A4). Robert Graves: voice (D5).

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: