Colin Edwin & Lorenzo Feliciati: “Twinscapes Vol. 2: A Modern Approach to the Dancefloor” (2018) – di Maurizio Pupi Bracali

Secondo appuntamento con i “gemelli diversi” Colin Edwin (già con Porcupine Tree e Metallic Taste Of Blood) e Lorenzo Feliciati (Naked Truth, Berserk!) entrambi indiscussi Maestri del basso elettrico riuniti sotto il nome Twinscapes già per un primo album omonimo (RareNoise Records 2014) che si muoveva tra Jazz, ambient, e musica elettronica. In questo nuovo e “moderno approccio alla pista da ballo” le cose non sono poi molto cambiate. Trattasi ancora un volta di musica sperimentale dove da ballare (per come lo si intende comunemente) c’è davvero ben poco, tra le armonie e disarmonie dei due bassi che si intersecano, si intrecciano e si sovrastano a vicenda, supportati da una congerie di diavolerie elettroniche manipolate da entrambi i musicisti (Feliciati si ritaglia qualche spazio anche alle tastiere e alle chitarre) e dalla batteria funambolica di Roberto Gualdi (che suona e ha già suonato con grandissimi nomi italiani e stranieri, PFM in testa). Come nel primo album, anche qui vengono messe in pista (da ballo?) le passioni musicali e le influenze dei due grandi bassisti, rilette, però, con stile personalissimo e alternativo, come in Future Echo che propone sottotraccia alcune progressioni crimsoniane, Heat Collision che flirta con la fusion, l’iniziale Tin Can che, oltre ad essere l’unico vero brano ballabile (si fa per dire) dell’album, nasconde memorie che vanno dal krautrock a certi ritmi anni 80. Ancora da segnalare Ghost Of Tangier che ricama atmosfere esotiche affiancanti il drumming di Gualdi, vero protagonista del brano, e l’elegiaca e chiesastica Severing Suns (provate a ballare questa, se ci riuscite) che vede i due bassi elettrici gettare le basi per il campionamento vocale di un canto simil-gregoriano di grande impatto emotivo e suggestione. Il resto dell’album lo lasciamo scoprire a chi vorrà approcciarsi (vedi il titolo) a questa nuova singolare e riuscitissima avventura bassistica di due giganti di questo strumento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.