Chi siamo

Testata giornalistica edita dall’Associazione Culturale
“Magazzini Inesistenti Musica e Cultura Underground” 
Onlus
(Organizzazione non lucrativa di utilità sociale).
(Reg. Trib. Vasto n.144/14)

Direttore responsabile:
Benito Mascitti. Direttore editoriale: Maurizio Garatti.
Caporedattore centrale: Gabriele Peritore.
Web mastering e coordinamento: Ivano Morandi.
Art Director el cordobés.
Guide Spirituali
John Adam Belushi, Ivan “Tatì” Graziani Michele La Palombara.
In redazione:

Phil Biondo, Natale Biondo, Maurizio Pupi Bracali, Sonia Causa, Nicola Chiello, 
Gianluca Chiovelli, Isabella Dilavello, Valter Di Giacinto, Salvatore Di Noia,
Michele Faliani, Cinzia Farina, Bartolo Federico, Maurizio Fierro, Andreas Finottis,  
Alessandro Freschi,
Ilario Galati, Lucia Gargano, Flavia Giunta, Ignazio Gulotta,
Ginevra Ianni,
Valeria La Rocca, Fabio Leggieri, Matilde Marcuzzo, Marina Marino,
Vincenzo Mastrangelo, Fabrizio Medori, Carmen Orlandi, Cinzia Pagliara,
Riccardo Panzone, 
Nicholas Patrono,
 Francesco Picca, Pietro Previti, 
Fabio Rossi, AldOne Santarelli, Andrea Sala, Lorenzo Scala, Benedetta Servilii
Marco Valerio Sciarra, Ubaldo Scifo, Sabrina Sigon, Francesca Spaccatini,
Massimiliano Speri, Roberta Hormis Tarquini
Claudio Trezzani, Lucia Valori.
Collaboratori
Abraxas M., Piero Cipollone, Capitan Delirio, Lino Gregari, Mr. Hyde, 
Hermione Jardin, La Scighera Magar, Palmiro il Peggiore, Marco Sciarra, 
Trex Willer, Floriana Tosca, Raffaella Valori, Warden, Lorenz Zadro.

Finalmente siete qui…
E se siete in cerca di risposte a quella strana sensazione che da 
sempre sentite dentro, quel senso di inadeguatezza, quel non trovare un’appartenenza, una provenienza e un arrivo… forse potete smettere di cercare. Ci avete trovati, noi che da una vita vi cerchiamo. Chi siamo…. mah… difficile a dirsi. Noi siamo gli Inesistenti, quelli che sognano e credono che la Memoria, e il Libero Pensiero, e l’inchiostro sulla carta siano ancora le cose che più contano per il Futuro. In questo contesto storico, in cui si è sempre figli e mai adulti, bisogna pensare d’essere già grandi e che la Strada è sempre in salita. Gli Inesistenti sì, quelli che lavorano in silenzio alla conservazione della propria specie… qualsiasi cosa accada. La rete è solo un mezzo, il cavalcare l’Idra impazzita e ammansirla, proprio tenendo al centro del nostro Pensiero la nostra Memoria… per i secoli dei secoli. Jules Verne, Jack London, Pier Paolo Pasolini, James Matthew Barrie e altri visionari ci hanno raccontato un mondo inverosimile, ci hanno lasciato  inchiostro su carta di vaticinio… incontaminato e proiettato nel futuro così come corrotto e devastante… come la peste. Peter Pan contro il Leviatano, senza paura, fino alla Luna e ancor più in là… oltre i confini definiti dagli Argonauti che ci hanno preceduto; stoici alla conquista del vello d’oro, oltre le colonne d’Ercole, armati solo del loro Essere.

Benvenuti a casa, Inesistenti…

25 pensieri riguardo “Chi siamo

  • 19 Ottobre, 2014 in 9:15 pm
    Permalink

    In nome di questa Ospitalità…
    chi se non Nausicaa…

    La vita non sempre fa male,
    può stracciarti le vele, rubarti il timone,
    ammazzarti i compagni a uno a uno,
    giocare ai quattro venti con la tua zattera,
    salarti, seccarti il cuore
    come la magra galletta che ti rimane,
    per regalarti nell’ ora
    dell’ultimo naufragio
    sulle tue vergogne di vecchio
    i grandi occhi, il radioso
    innamorato stupore
    di Nausicaa.

    Gesualdo Bufalino,
    Nausicaa

    Risposta
    • 20 Ottobre, 2014 in 7:30 am
      Permalink

      io direi che la pubblichiamo…. nella sezione poesia

      Risposta
  • 20 Ottobre, 2014 in 6:30 am
    Permalink

    Avevo appena scritto con tutta la passione che avevo dentro un commento sulla situazione odierna poi sono andato su home senza prima salvarlo e si è cancellato tutto NOOOOOOO!!!!!!!! Lo riscrivo la prossima occasione anche perche era una cosa che mi stava molto a cuore.

    Risposta
    • 20 Ottobre, 2014 in 6:39 am
      Permalink

      Ciao Paolo
      e grazie per il contributo….
      …attendiamo il commento originale 🙂

      Risposta
  • 20 Ottobre, 2014 in 5:30 pm
    Permalink

    Sono di poche parole quindi dirò solo: wow 🙂 felice di farne parte!

    Risposta
  • 22 Ottobre, 2014 in 1:24 pm
    Permalink

    tu Silvia ne fai parte dall’inizio… questo testo te lo ricorderderai sicuramente 🙂

    Risposta
  • 22 Ottobre, 2014 in 1:25 pm
    Permalink

    e ti tieni pure il refuso da tastiera 🙂

    Risposta
  • 11 Dicembre, 2014 in 12:58 am
    Permalink

    Da’inesistente’ non ho subito fermato il mio carro di fuoco…perche’ troppe cose e non-luoghi ho da bruciare…
    Ho deciso di sostare un attimo…mi fermo …qui e’ uno dei miei luoghi!…
    Grazie…in culo alla balena, la zattera tiene!…

    Risposta
  • 9 Gennaio, 2015 in 11:38 pm
    Permalink

    il non esistere
    essenziale
    all’esistenza
    …grazie.

    Risposta
  • 5 Febbraio, 2015 in 4:52 pm
    Permalink

    ..l’importante che la morte mi trovi inesistente ma VIVO…non decomposto **Elledi*DesignerPrecario

    Risposta
  • 23 Febbraio, 2015 in 5:30 pm
    Permalink

    Chi meglio di un ghostwriter come me è un inesistente?
    Finalmente una comunità di simili 🙂

    Risposta
    • 8 Marzo, 2015 in 2:12 pm
      Permalink

      ciao Irene… ti aspettiamo 🙂

      Risposta
  • 8 Marzo, 2015 in 2:12 pm
    Permalink

    la faccia è quella del web Master ma fa lo stesso….

    Risposta
  • 6 Aprile, 2015 in 11:13 am
    Permalink

    quanto ho cercato chi come me si sente trasparente allo sguardo degli altri che invece dicono di vedere… ma in realtà guardano… danno una fuggevole occhiata ma non vedono… finalmente vi ho trovato questa inesistenza è infinitamente meglio della spesso completamente vuota presenza degli altri

    Risposta
    • 6 Aprile, 2015 in 11:24 am
      Permalink

      grazie per questo bel pensiero…

      Risposta
  • 28 Maggio, 2015 in 1:22 am
    Permalink

    Pinakes di maggio

    Ma quando il succo sembrava
    Premere fuori dal chicco, Dioniso posò le labbra
    Sul più denso di tutti che era oltremodo
    Ricolmo e la buccia tesa come le corde del piano
    Quando Thelonius tornava sulla nota e la tromba
    se c’era tremava: la siringa stridette
    Il sassofono ringhiava
    E tutte le note sembrarono accumularsi a quel punto
    Salivano sempre più su, più su con sfacciataggine estrema
    Senza un po’ del vecchio rossore, senza paura e forse adesso
    Senza amore. L’orchestra esplose e torno’ inditro
    il suono come su una sinusoide,
    allora riprese pian piano il divino
    fanciullo a dondolare. <>

    Risposta
  • 9 Luglio, 2015 in 8:26 am
    Permalink

    e mi ritrovo catapultato qui, in questo piccolo universo di miei simili in quanto “non adatti” al modello imperante. Beh, che dire? Grazie innanzitutto ad Andreas che mi ha iscritto ed un caloroso saluto a tutti voi, miei nuovi compagni d’avventura!

    Risposta
  • 9 Luglio, 2015 in 7:38 pm
    Permalink

    Hanno messo una nuova fotocopiatrice. È una macchina tutto fare. È intelligente. Quando mando una mai ai colleghi mi mette nella casella indesiderata. Così vengo cestinata puntualmente:-) più inesistente di così. Ma a me piace questa condizione di trasparenza. È il mio modo di essere:-) ben contenta di stare coi miei simili. Finalmente a casa. Ciao a tutti:-)

    Risposta
  • 11 Luglio, 2015 in 12:33 pm
    Permalink

    Grazie Maurizio. È un luogo, un rifugio caloroso dove fermarsi per ritemprare l’anima

    Risposta
  • 2 Agosto, 2019 in 5:19 pm
    Permalink

    Salve a tutti. Ma se qualcuno volesse inviare un proprio contributo? È possibile? Grazie e buon lavoro!

    Risposta

Rispondi a Silvia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.