“Black Star” tributo a David Bowie – di Angela Caporaso

Fino al 10 luglio 2016, sarà possibile visitare presso gli spazi espositivi della Chiesa del Carmine di Massa Lombarda (RA), “Black Star” tributo a David Bowie, una collettiva di artisti appartenenti a generazioni diverse che operano sul territorio emiliano romagnolo. La mostra, curata da Antonio Caranti e Andrea Bruni (quest’ultimo ideatore della rassegna in collaborazione con lo Studio Arte Contemporanea SanVitale41) è stata inserita nell’ambito del Riot Festival 2016, ed è realizzata con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Massa Lombarda.
Alla collettiva, che ha tratto il nome dal venticinquesimo e ultimo album di Bowie, hanno preso parte i seguenti artisti: R. Banzi, L. Bernardi, B. Capatti, L. Caravita, G. Cortesi, B. CotignoliF. Fiorella, E. Fiori, V. Geminiani, S. Governa, I. Gulmanelli, B. Jandolo, G. Lanzoni, A.L iotta, I. Margotti,G. Mazzesi, F. Minardi, F. PavolucciG. Prada Castillo, R. Ricci, D. Sapigna, G.R. Stradada,
G. Strocchi, M. Teodorani, F. Zoli.

black star caporaso

Tra i vari lavori esposti c’è anche “David B” (pirografia + pastello+ acrilico su tavola, cm 70×70, realizzata da Lamberto Caravita nel 2016 e, a proposito della sua passione per il musicista britannico, Lamberto, artista di Massa Lombarda, racconta di avere incominciato a seguire il Duca Bianco dai tempi di Heroes e da allora di non averlo più lasciato; è stato affascinato dalle sue varie, anche se a volte brevi interpretazioni cinematografiche, veri e propri camei , per poi ammirarlo anche come artista visivo “(…) Poi vogliamo mettere anche l’arte visiva? l’ho scoperto pittore, illustratore e fotografo, un artista completo, per non dimenticare poi la/le mode che ha lanciato dal glamour inconfondibile al dandy, quanto mi/ci manca”. Tornando alla pirografia, la tecnica usata da Caravita per la realizzazione del suo lavoro è  un procedimento di decorazione del legno che fa uso di una punta metallica ad alta temperatura per lasciare un segno “bruciato” sulla superficie lavorata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

riot map

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.