Black Joe Lewis & The Honeybears: “Backlash” (2017) – di Giorgio Cocco

Tra le migliori e più eccitanti formazioni venute fuori dall’ultima ondata Rock/Blues, i Black Joe Lewis & The Honeybears sono una band in continua crescita. Incuranti delle tendenze del momento, proseguono con decennale e granitica coerenza nella politica di promozione e rinvigorimento del suono più legato alla tradizione americana, senza disdegnare incursioni in territori più propriamente Garage/Punk e Funk/Soul. Tutti generi musicali che non temono l’usura del tempo se si ha l’abilità di legare epoche musicali diverse, prendendo da ognuna di esse il meglio, plasmandole in uno stile inconfondibile. Così, le 11 nuove canzoni di “Backlash”, naturale proseguimento del magnifico “Electric Slave” di quattro anni fa, è un approccio sincero ed energico, una barra del timone come sempre abbastanza impazzita. L’onnivoro Black Joe anche stavolta non ci fa mancare nulla e, standogli vicino per i 42 min della durata del disco, si potranno passare in rassegna molte delle istantanee più emblematiche della storia della Black Music, dagli anni 70 in poi. Allo stesso modo la Band che lo asseconda pressoché dagli esordi (da “Tell ‘Em What Your Name Is!” del 2009): The Honeybears, i suoi Dap-Kings. Fenomenale sestetto che firma con il rocker texano tutti i brani di “Backlash”, in cui primeggiano gli ottoni di Jason FreyDerek Phelps e Joseph Woullard e il chitarrista Michael Brinley con il quale Black Joe ingaggia spesso vere e proprie scorribande elettriche. Vedi l’ingresso fulminante di Flash Eyed cavalcata Punk’n’Roll contrappuntata da una sezione fiati vigorosa e inesauribile come avesse alle calcagna James Brown nel giorno di paga. Niente di strano se subito dopo arriva un pezzo che strizza l’occhio alle classifiche come ne sfornava a decine il Prince degli anni 90, l’esotica Sexual Tension, quasi a voler subito dichiarare che nessun approdo è precluso e, se il folletto di Minneapolis non vi ha mai convinto del tutto, ecco la intro hendrixiana di Global, funkettone dal groove entusiasmante con la Band a pieno regime. Nature’s Natural rallenta il tiro per omaggiare il fuoriclasse del Soul: Otis Redding. Poi, perché non farlo anche con la blaxploitation? La serie B della Black, Lips Of ALoser sembra infatti provenire da una puntata della serie televisiva “Shaft”. Quindi gli Earth Wind & Fire e le ritmiche ruffiane di Nile Rodgers in PTP (il pezzo deputato a fare da apripista all’album). La seconda parte del disco è decisamente più rockettara: in Freakin’ Out torna il Punk/Blues lascivo alla maniera della Jon Spencer Blues Explosion, come anche nella durissima Shadow People in cui sembra di imbatterci nel graffio Lo-Fi dei Gories di Mick Collins. In chiusura l’altro lentaccio, Wasted, incalzante e super sexy, le aperture Hard/Rock di Prison e infine Maroon, i titoli di coda dell’album: fervore Boogie/Rock, sezione fiati che tampina da presso, accenni alla Jam da capitalizzare pienamente nella dimensione live. “Backlash” è un disco davvero splendido, in perfetto equilibrio tra armonie e asprezze, potente e raffinato al contempo che non faticherà a trovare un posto di rilievo nelle liste dei migliori dell’anno e, magari, potrebbe essere l’occasione giusta per far oltrepassare la soglia del grande successo di massa a Black Joe e il suo ineguagliabile Combo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *